Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

27 imprese lombarde “fanno rete” per crescere sui mercati esteri

Molti vedono nell’Estero uno sbocco per superare la crisi sistemica che attanaglia l’economia italiana. Ma il “nanismo” delle aziende…

31 Mag 2012

Molti vedono nell’Estero uno sbocco per superare la crisi
sistemica che attanaglia l’economia italiana. Ma il
“nanismo” delle aziende italiane, se da un lato
consente una grande flessibilità di risposta alle mutevoli
esigenze di mercato, dall’altro mal si sposa con la massa
critica spesso necessaria per competere ad armi pari con le
imprese estere.

La soluzione è aggregarsi, collaborare, favorire
sinergie con altre aziende magari del territorio
. Con
questi presupposti nasce Lombardy Energy 2012, un progetto
firmato da Energy Cluster, Euroimpresa, l’Università LIUC,
con il co-finanziamento di Regione Lombardia.

Un investimento di
345mila euro

L’obiettivo principale del progetto – nel quale vengono
investiti 345mila euro, di cui oltre 240mila a carico della
Regione Lombardia – è quello di sostenere
l'internazionalizzazione di 27 imprese lombarde del settore
dell’energia, presidiando i mercati esteri, favorendo
sinergie ed alleanze di lungo periodo e lo scambio di competenze
con altri cluster a livello europeo e mondiale.

Aggregazione e
collaborazione fra imprese

Lombardy Energy si basa su una piattaforma web based sviluppata
dal Centro di Ricerca per l’Economia e le Tecnologie
dell’Informazione e della Comunicazione (CETIC) della LIUC
– Università Cattaneo. Si tratta di una piattaforma di
social networking in grado di promuovere azioni comuni,
facilitare l’aggregazione e la collaborazione tra le
aziende e di presentarsi sul mercato estero come un soggetto
unico.

Il ruolo di Energy
Cluster

Il progetto nasce da Energy Cluster, la rete di 98 imprese che
con un indotto di quasi 9 miliardi di euro fornisce prodotti e
servizi per la generazione e distribuzione di energia elettrica.

Difatti, oltre alle 27 PMI, verranno coinvolte nel progetto le
grandi imprese appartenenti all’Energy Cluster e di altre
piccole e medie imprese interessate che porteranno il proprio
contributo in termini di conoscenze, informazioni e contatti
relativi al settore dell’energia nel mondo. Un supporto
fondamentale per le PMI che, spesso, non hanno mezzi e competenze
per accedere a tali canali.

Articolo 1 di 5