Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Retail

MyFoody abbatte gli sprechi alimentari aumentando ricavi e brand awareness

La piattaforma sviluppata da Anagramma, finalista ai Digital360 Awards nella categoria CRM/Soluzioni per Marketing e Vendite e vincitore del premio speciale “Impatto sociale”, permette ai consumatori di individuare offerte convenienti su prodotti a rischio scadenza e ai punti vendita di pianificare meglio la logistica, evitando gli overstock. Il CEO Francesco Giberti spiega a filosofia e il funzionamento

21 Lug 2016

redazione

Abbattere gli sprechi alimentari, monetizzare le eccedenze, promuovere il consumo critico e migliorare la brand awareness di prodotti e punti vendita, tutto con una sola app. È ciò che permette di fare MyFoody, realizzata dalla startup innovativa Anagramma e finalista ai Digital 360 Awards nella categoria CRM/Soluzioni per Marketing e Vendite. Il sistema, grazie al sito Internet (www.myfoody.it) e all’uso di beacon, la tecnologia in store per il proximity marketing, permette ai consumatori di individuare offerte convenienti su derrate alimentari a rischio spreco. Una volta selezionate sull’interfaccia di MyFoody, il cliente può recarsi al negozio e ritirarle. Sul fronte Retail questa opportunità si traduce nella possibilità da una parte di potenziare la logistica, in funzione dello smaltimento di prodotti in scadenza, difettosi e in overstock, dall’altra di aumentare ricavi, visibilità e reputazione attraverso un programma realmente orientato alla sostenibilità ambientale.

Qui di seguito, il CEO di Anagramma Francesco Giberti spiega nel dettaglio la filosofia e il funzionamento della piattaforma.

Articolo 1 di 4