Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Data protection

Digital trust in calo: i consumatori italiani si fidano poco a rilasciare i dati personali alle aziende

Secondo uno studio di Frost & Sullivan, la fiducia dei consumatori italiani sulla capacità delle organizzazioni di proteggere i loro dati è al minimo. E hanno motivo di crederlo: il 70% delle aziende italiane ammette di utilizzare internamente i dati degli utenti, mentre il 53% addirittura di venderli ad altre organizzazioni

09 Ott 2018

Redazione

In uno scenario dove i dati acquistano sempre maggiore importanza per il business, crolla il Digital trust, la fiducia digitale. Si scopre che c’è un divario significativo tra la fiducia digitale effettiva dei consumatori e la percezione delle aziende italiane. A rivelarlo è una recente indagine internazionale condotta da Frost & SullivanCA Technologies che ha coinvolto 990 utenti consumer, 336 esperti di sicurezza informatica e 324 dirigenti aziendali di alto livello in 10 Paesi.

Ma cos’è la fiducia digitale? Secondo Jarad CarletonIndustry Principal Cybersecurity presso Frost & Sullivan “la fiducia riposta in un’organizzazione per raccogliere, archiviare e utilizzare le informazioni digitali degli altri in modo da avvantaggiare e proteggere coloro a cui appartengono le informazioni”.

Navigando sempre più spesso online, gli utenti consumer offrono inevitabilmente alle aziende l’accesso a una grande mole di dati personali. Se le organizzazioni non prestano fin da subito maggiore attenzione nel tutelare questi dati o nell’impedire che finiscano in mani sbagliate, la fiducia digitale potrebbe svanire presto e con gravi ripercussioni per le aziende.

Frost & Sullivan ha elaborato il Digital Trust Index, una serie di metriche che misurano i fattori chiave sul concetto di fiducia digitale: la disponibilità dei consumatori a condividere i propri dati personali, la  convinzione che le aziende proteggano tali dati e infine la misura in cui gli utenti ritengono che le aziende vendano i dati personali ad altre aziende.

Il risultato è una scala variabile, dove 1 sta per “assenza di fiducia” e 100 per “fiducia totale”.

Il Digital Trust Index degli consumatori italiani risulta di 57 punti su 100, inferiore a quello americano e del resto d’Europa. Ciò lascia pensare che gli utenti consumer italiani si fidino poco delle organizzazioni quando si tratta di proteggere i propri dati digitali.

Al contrario, gli specialisti di cybersecurity e i dirigenti aziendali italiani totalizzano una media di 76 punti nel Digital Trust Index. Si tratta di un differenza notevole fra la fiducia percepita e la fiducia provata dagli utenti consumer, la più alta registrata a livello internazionale.

Tuttavia, questa percezione si scontra con il fatto che il 64% dei consumatori italiani sono disposti a fornire alle aziende i propri dati personali in cambio di servizi gratuiti o scontati e che anche qui l’Italia registra una percentuale più alta di qualsiasi altro Paese al mondo.

È fondamentale che le imprese diano la precedenza alla privacy e alla security, per esempio limitando le policy vigenti sulla condivisione dei dati degli utenti, riducendo gli accessi degli utenti privilegiati o semplicemente attuando migliori controlli.

Questo non solo per non incorrere in gravi conseguenze, ma anche per evitare che i consumatori perdano totalmente la fiducia digitale. Infatti, ben il 70% delle organizzazioni italiane ammette di utilizzare internamente i dati degli utenti, mentre il 53% dei dirigenti aziendali ammette inoltre che la propria azienda li vende ad altri organismi. Eppure, solo il 20% degli esperti italiani di cybersecurity ha affermato di essere a conoscenza della vendita dei dati personali da parte della loro azienda.

È necessaria una maggiore trasparenza sulle procedure di tutela dei dati: il 68% degli utenti consumer e il 97% delle organizzazioni italiane concorda che la fiducia si rafforza quando vengono fornite ai consumatori informazioni di facile comprensione sulle procedure di tutela dei dati. Eppure, solo il 53% degli utenti consumer italiani sostiene di aver ricevuto tali informazioni.

«Ci troviamo a un bivio nell’era delle informazioni in cui sempre più aziende vengono trascinate sotto i riflettori perché non sono riuscite a salvaguardare i dati in loro possesso. Con questa indagine abbiamo cercato di comprendere lo stato d’animo degli utenti consumer che affidano i propri dati a organismi esterni e come tali organismi interpretino il proprio obbligo di tutela dei dati – aggiunge Jarad Carleton – L’indagine ha rivelato che c’è sicuramente un prezzo da pagare – sia da parte dell’utente consumer che da parte di chi gestisce un’azienda che tratta dati di utenti consumer – in materia di mantenimento della confidenzialità dei dati. Il rispetto per la privacy degli utenti consumer deve diventare un pilastro etico per qualsiasi azienda che acquisisca dati dagli utenti».

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Cyber Security
P
protezione dati
T
trust

Articolo 1 di 5