Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Videointervista

Dagli Analytics alla Blockchain: ecco come gli strumenti digitali supportano la funzione finance

Strumenti che hanno come obiettivo l’incremento dell’efficienza dei processi, ma anche soluzioni che consentono di migliorare i processi tipici dell’area Amministrazione Finanza e Controllo e l’efficacia dei processi decisionali. Paolo Maccarrone, docente della School of Management del Politecnico di Milano, fa il punto sui tool digitali a disposizione del CFO

28 Giu 2019

Redazione

Gli strumenti digitali stanno profondamente cambiando il modo di lavorare della funzione finance. Come sottolinea Paolo Maccarrone, docente della School of Management del Politecnico di Milano, «è possibile individuare due macro aree di impatto di questi strumenti: da un lato si parla di efficienza dei processi interni, dall’altro di efficacia delle diverse attività svolte all’interno dell’area Amministrazione, Finanza e Controllo».

In particolare, il primo impatto si riferisce alla trasformazione di alcuni processi, trainata dalla diffusione dell’automazione e della Robotic Process Automation. In questo caso l’adozione di strumenti digitali ha ricadute importanti in termini di riallocazione delle risorse umane che lavorano nella funzione finance, che con l’automazione delle attività a basso valore aggiunto possono essere allocate su quelle più strategicamente rilevanti.

«Per la seconda area di impatto, facciamo riferimento agli strumenti digitali che consentono di migliorare i processi tipici dell’area AFC e l’efficacia dei processi decisionali, grazie all’utilizzo di tecnologie big data, descriptive, predictive e prescriptive analytics, machine learning, artificial intelligence. Cambiano quindi le logiche per gestire tesoreria, cash management, il circolante, la frode detection and prevention, e non solo perchè viene impattata positivamente anche l’area del controllo di gestione: la pianificazione, il forecasting, il controllo e il reportig».

Come sottolonea Maccarrone, c’è poi un’area emergente che riguarda i processi cross estesi alla filiera, che beneficiano del supporto della Blockchain nelle transazioni e nel contract management.

«Ad oggi la maggior parte delle aziende per la funzione finance hanno cominciato a investire sugli strumenti digitali che supportano l’automazione dei  processi. Rispetto alle attività dell’area AFC, le organizzazioni stanno lavorando già su algoritmi di Big Data Analytics, quindi su descriptive e predictive analytics, e stanno testando l’utilizzo di soluzioni di machine learning e della Blockchain».

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4