SIAV, dalla fatturazione alla PA a quella tra aziende il passo è breve - Digital4

Enterprise Content Management

SIAV, dalla fatturazione alla PA a quella tra aziende il passo è breve

Le soluzioni della società, disponibili in house e in outsourcing e utilizzate da oltre 3000 clienti in Italia, possono essere facilmente estese allo scambio di fatture in ambito B2B, con tutti i vantaggi che derivano da una completa dematerializzazione, ottenuta inoltre utilizzando una unica applicazione software

23 Mar 2015

Redazione

Alfieri Voltan, Presidente di Siav«La fatturazione alla PA è un’ottima occasione per cogliere i vantaggi della dematerializzazione, e il mercato dimostra l’importanza di queste tecnologie come opportunità di crescita per il Paese», spiega Alfieri Voltan, presidente di Siav, una delle più importanti aziende italiane nel settore Enterprise Content Management, con più del 20% del mercato, oltre 3000 installazioni all’attivo e 60 nuovi clienti nel 2014; Siav è anche l’unica azienda Italiana del settore presente nel Gartner Magic Quadrant da 6 anni.

«Da 25 anni ci occupiamo di gestione dei processi documentali, in house e in outsourcing, e abbiamo fatto tesoro di questo know-how per costruire soluzioni di fatturazione alla PA semplici da usare e di minimo impatto organizzativo».

Chi vuole gestire l’invio “in house” ha a disposizione un modulo della piattaforma ECM di Siav, Archiflow, che carica le fatture dal sistema ERP e gestisce in modo automatico le comunicazioni con SdI. L’utente può visualizzare le fatture, verificarne lo stato, apporvi la firma digitale e consultare le notifiche inviate da SdI. Chi deve gestire le fatture in ingresso utilizza un ulteriore modulo che mette a disposizione un iter approvativo, adattabile alle esigenze dell’ente, per la risposta ai fornitori. Il modulo si occupa poi delle comunicazioni con SdI e della interazione con il sistema contabile.

WHITEPAPER
Data warehouse nel cloud: 6 considerazioni per un passaggio efficace
Big Data
Cloud

«Uno dei grandi vantaggi di queste soluzioni è che Archiflow permette di includere la fatturazione alla PA in un più ampio contesto organizzativo – aggiunge Voltan – in cui la comunicazione con SdI è solo uno dei numerosi passaggi che compongono i processi di vendita e di acquisto; processi che possono essere interamente gestiti da Archiflow, all’interno di fascicoli in cui archiviare tutta la documentazione».

A chi invece preferisce una soluzione in outsourcing, Siav offre un servizio completo per gestire le comunicazioni con SdI e la conservazione a norma, tramite un portale web con cui il cliente può consultare tutte le fatture, firmarle e verificarne lo stato. «Siav ha molto investito per fornire servizi di qualità, è certificata ISO 9000 e 27001, ed è tra i 13 player presenti nella lista dei Conservatore accreditati da AgID» spiega Voltan.

Un elemento distintivo delle soluzioni di fatturazione alla PA di Siav è l’uso della PEC, che è poco invasiva e familiare a tutti, offre garanzie intrinseche dal punto di vista legale, è facile da tracciare e monitorare, ed è estremamente flessibile. Grazie a queste peculiarità chi sceglie le soluzioni Siav ha a disposizione un canale che può essere facilmente esteso allo scambio di fatture in ambito B2B, con tutti i vantaggi che derivano dalla possibilità di una completa dematerializzazione, ottenuta inoltre utilizzando una unica applicazione software. «In attesa che il Governo estenda la fatturazione elettronica ai rapporti tra privati, molte aziende hanno adottato le nostre soluzioni basate sulla PEC per l’invio e la ricezione delle fatture in formato elettronico in ambito B2B», conclude Voltan.

SIAV, dalla fatturazione alla PA a quella tra aziende il passo è breve

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 2