Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Business Case

Regione Emilia Romagna

Due milioni di euro l’anno di risparmi grazie alla dematerializzazione del Bollettino Ufficiale della Regione (BUR)

17 Lug 2011

La Regione Emilia-Romagna con circa 3.000 dipendenti, un bilancio di circa 18 miliardi di Euro, e oltre 4.000 postazioni di lavoro ha adottato una piattaforma di gestione documentale per convertire il Bollettino Ufficiale della regione (BUR) da pubblicazione cartacea a documento informatico con diffusione esclusivamente telematica attraverso il sito istituzionale della Regione.
Come spiega Grazia Cesari, Responsabile Servizio Sistema Informativo-Informatico regionale, «Il progetto di dematerializzazione del BUR ha permesso alla regione di risparmiare oltre 2 milioni di Euro all’anno, relativi alla riduzione delle spese per l’acquisto della carta, di tipografia e di spedizione del Bollettino e, in parallelo, di diminuire l’impatto ambientale dell’Ente, grazie alla mancata produzione di circa 240 tonnellate di carta stampata».


Grazie a un adeguamento normativo della Legge (L.R. n. 28/1987) che regola l’ordinamento e le modalità di pubblicazione e di diffusione del Bollettino, la Regione ha conferito validità legale alla pubblicazione telematica del BUR, la cui autenticità è certificata dall’apposizione della firma digitale del responsabile del BUR. Il passo successivo del progetto ha previsto l’individuazione della piattaforma informatica di gestione dei contenuti, di impaginazione editoriale e di conservazione sostitutiva a norma del BUR.


Attualmente la produzione telematica del Bollettino è realizzata da una redazione distribuita, costituita sia da personale della Regione che di altri Enti regionali: i contenuti vengono redatti, inviati e condivisi attraverso un sistema open source di Content Management messo a disposizione dall’Amministrazione regionale attraverso una interfaccia web. La redazione della Regione continua ad occuparsi del processo di produzione del Bollettino, svolge le attività di gestione e selezione dei contenuti da inserire in ciascun numero/supplemento e, grazie al supporto fornito dal nuovo sistema, produce gli impaginati del BUR sia in bozza che in forma definitiva. Il responsabile della redazione firma digitalmente il file PDF/A e procede con la pubblicazione sul sito istituzionale della Regione: il file viene di seguito inviato al Polo Archivistico Regionale (PARER) per la conservazione a norma. Per le inserzioni redatte dalle strutture interne alla Regione è stata realizzata una integrazione applicativa Web (basata su tecnologia SOAP) con il sistema informatico di gestione degli atti amministrativi.


Grazia Cesari aggiunge che «La distribuzione telematica e gratuita del BUR ha permesso di eliminare gli abbonamenti all’edizione cartacea, il cui importo era calcolato sulla base della dimensione della pubblicazione, consentendo anche la semplificazione e la riduzione dei costi a carico degli inserzionisti introducendo una tariffa unica per le pubblicazioni».

Articolo 1 di 5