Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Business Case

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma

Un servizio di posta elettronica e di condivisione file in modalità As a Service

28 Giu 2011

L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è uno tra i più grandi, moderni ed attrezzati ospedali pediatrici d’Italia. L’istituto svolge per soggetti nella fascia d’età pediatrica ed adolescenziale attività di: Pronto Soccorso, di Ricovero Ordinario, di Day Hospital e di Day Surgery, di Ambulatorio e di Assistenza Domiciliare. Consta di cinque sedi operative, tre nel Lazio una in Sicilia ed una in Molise, a cui fa capo la sede di Roma.

Nel 2010 l’Ospedale ha avviato un progetto di fruizione del servizio di posta elettronica, precedentemente on premise, in modalità as a service. E’ stata quindi indetta una gara di appalto tra i tre principali competitors, attivi sul mercato del Cloud Computing e la decisione è ricaduta sul provider che fornisse il migliore rapporto prezzo/prestazioni con grossa enfasi per le garanzie di sicurezza più conformi alle politiche aziendali. Entro il mese di Novembre 2010 le 3000 caselle di posta elettronica sono state migrate in Cloud.
La flessibilità della soluzione è correlata alla tipologia di contratto, che consente di scegliere tra la categoria base e quella avanzata in funzione dello spazio di storage disponibile. Il processo di fatturazione pay per use avviene attraverso la registrazione giornaliera delle caselle attivate e il pagamento di un canone mensile per l’utilizzo effettivo.


I benefici apportati dalla soluzione sono esplicabili da tre punti di vista differenti: la Direzione ICT ha potuto riallocare risorse con competenze specifiche per progetti in ambito sanitario, gli utenti hanno risolto problematiche legate all’efficienza del servizio che risulta migliorata e l’azienda ha ottenuto saving dei costi legati all’acquisto di server e rimozione dei messaggi di spamming.

Quando il servizio era gestito internamente gli utenti fruivano di un servizio erogato in una situazione di “pseudo” monopolio interno senza poter godere di confronti competitivi con gli altri soggetti presenti sul mercato, confronti ad esempio sui livelli di servizio erogati o sugli standard da rispettare. Con l’adozione del servizio di posta elettronica on the cloud, il personale del servizio informatico ha dovuto modificare il proprio modo di lavorare, renderlo più dinamico, concentrandosi su alcuni temi e ricercando nel mercato le migliori soluzioni da implementare in azienda.

Un altro progetto di Cloud riguarda il servizio di condivisione dei file, di cui è stato dotato solo il 10% delle 3000 utenze, tra cui i Sistemi informativi, il Top Management, i medici e responsabili di dipartimento. La soluzione utilizzata principalmente per il salvataggio di documenti viene fruita tramite interfaccia web collegata al server del provider.


Per il futuro si sta analizzando la possibilità di acquisire ambienti di sviluppo su cui poter sviluppare soluzioni customizzate, perché gli ambienti di sviluppo sono dinamici per natura essendo legati ai progetti, con un inizio ed una fine, e necessitano di una pianificazione più soft.
L’introduzione del cloud ha rafforzato il percorso interno di standardizzazione, per quanto possibile, dei processi aziendali in modo da poter accogliere le offerte Cloud, standard per definizione.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cloud
P
PMI
S
sanità

Articolo 1 di 5