Esperienze

Friuli, un sistema unico per le fatture elettroniche

Un nuovo applicativo Web, denominato SDI-FVG opera, per le fatture attive, come interfaccia tra i programmi gestionali che producono i documenti anche in formato XML e il Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate. Per il futuro è prevista l’individuazione di una soluzione informatizzata anche per la gestione dell’intero ciclo passivo

08 Mag 2015

Redazione

Triste, il Castello di MiramareLa Fatturazione Elettronica ha raggiunto anche la Regione Friuli Venezia Giulia, che insieme a INSIEL, la società ICT in-house regionale, ha avviato il progetto di adeguamento già da ottobre 2013.

L’obiettivo è quello fornire un sistema unico e integrato per la gestione completa delle fatture elettroniche di tutta la PA operante sul territorio regionale. La realizzazione del progetto si articola in due fasi. La prima ha l’obiettivo di rilasciare un nuovo applicativo Web, multiente e multiutente, denominato SDI-FVG che, per le fatture attive, opera come interfaccia tra i programmi gestionali emettitori – adeguati per produrre anche il formato XML previsto dalla normativa – e il Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate (SDI).

Il sistema SDI-FVG funge quindi da Hub regionale per la trasmissione delle fatture attive (caricamento, firma e spedizione) al sistema di interscambio nazionale attraverso la sua piattaforma, che si avvale dei servizi informatici del Sistema Informativo Integrato Regionale (SIIR). Dal SIIR sono ricavate l’infrastruttura di cooperazione applicativa SPCoop (Sistema Pubblico di Cooperazione Applicativa), il sistema “loginfvg” di identificazione ed accesso federato, il servizio regionale di firma remota e massiva, il Master Data delle strutture organizzative delle amministrazioni locali sincronizzato con l’IPA (Indice della PA) a supporto dell’Attribute Authority di qualifica degli operatori, il servizio di gestione documentale digitale strutturata integrato con il servizio di Conservazione a Norma e dotato di un Policy Decision Point (PDP) per la gestione delle politiche d’accesso ai documenti. La prima fase si è conclusa con l’avviamento delle componenti necessarie per la ricezione, lo smistamento e la presa in carico delle fatture passive.

WHITEPAPER
Una guida pratica alla modernizzazione del sistema EDI
Dematerializzazione

La seconda fase, partita nei primi mesi del 2015, terminerà a marzo 2016 e ha l’obiettivo di informatizzare la gestione delle fatture attive e passive integrando ed evolvendo i sistemi interessati.

Il sistema è stato avviato il 6 giugno 2014, in seguito all’obbligo di fatturazione elettronica verso la PA Centrale e attualmente
 è a disposizione degli Enti Locali, delle Aziende per i Servizi Sanitari e delle Aziende Ospedaliere che devono emettere le prime fatture elettroniche verso Ministeri, Agenzie fiscali, Enti previdenziali ed assistenziali. Entro la fine del 2015, la Regione Friuli Venezia Giulia sarà già in grado di utilizzare la piattaforma per la ricezione e lo smistamento delle fatture passive e verrà completato contestualmente l’adeguamento dei gestionali INSIEL per la generazione e il caricamento di file XML, previsti dal sistema di interscambio. Il passo successivo, una volta che il sistema SDI-FVG sarà pienamente operativo è l’individuazione di un percorso per una soluzione informatizzata integrata per la gestione dell’intero ciclo passivo.

Friuli, un sistema unico per le fatture elettroniche

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 2