Contest

Digital360 Awards 2020: un format tutto digitale per la quinta edizione dell'iniziativa del Gruppo Digital360

La quinta edizione dei Digital360 Awards 2020 si presenta come un percorso che sfrutta al massimo le potenzialità del digitale e che permetterà a tutti i candidati un confronto, allineamento, dibattito e condivisione costanti con i CIO della Giuria. Qui tutte le informazioni necessarie. Le candidature sono aperte fino al 28 maggio

22 Mag 2020

Redazione

Digital360 Awards 2020, il contest del Gruppo Digital360, giunto alla sua quinta edizione, dedicato ai progetti di innovazione e imprenditorialità digitale più significativi nel nostro Paese, quest’anno avrà un format rinnovato integralmente digitale.

La decisione è nata dalla volontà di mettere a frutto le esperienze vissute durante il periodo di lockdown dei mesi passati che il Gruppo Digital 360 ha potenziato con l’ideazione e la realizzazione di momenti di incontro e confronto digitali. I Digital360 Awards 2020 diventano quindi un percorso che punta anche a mettere in luce le potenzialità del digitale.

Dopo il successo dell’edizione 2019, anche quest’anno l’iniziativa si integrerà con il CioSumm.It, aggregando la più grande community di CIO in Italia.

«L’obiettivo dei Digital360 Awards è quello di creare un match making tra CIO e offerte innovative; per questo, fin dalla prima edizione, abbiamo voluto che a valutare i progetti fossero proprio i CIO», ha ribadito Andrea Rangone, CEO di Digital360, lanciando l’iniziativa 2020 e ricordando che la Giuria dei Digital360 Awards è composta da oltre 150 CIO, Innovation e Digital Manager delle più importanti realtà italiane.

Andrea Rangone

Amministratore Delegato di Digital360

Digital360 Awards 2020: il contest

Il contest è suddiviso in 3 fasi:

  • Invio delle candidature: i partecipanti possono candidarsi fino al 28 maggio accedendo alla piattaforma dei Digital360 Awards;
  • Fase Discovery: dal 3 giugno al 24 giugno, la Giuria esaminerà “a distanza” le candidature e selezionerà i progetti finalisti per le diverse categorie tecnologiche con la possibilità di interagire con i candidati per eventuali approfondimenti;
  • Comunicazione ai finalisti: 26 giugno.
FORUM PA 6 - 11 LUGLIO
Fare rete: la trasformazione digitale per coesione, partecipazione e sviluppo della comunità
Digital Transformation
PA

Dopo la valutazione delle Giuria, i finalisti si sovranno preparare per le 4 fasi che seguiranno fino alla proclamazione dei vincitori, che avverrà a dicembre:

  • Project Sharing: Creazione di “momenti di confronto” tra finalisti e alcuni CIO della Giuria con pitch da parte dei finalisti che riceveranno feedback da parte dei CIO coinvolti (luglio);
  • Emotional Video: Realizzazione ad hoc di un emotional video per mettere in evidenza caratteristiche e vantaggi del progetto presentato (luglio – ottobre);
  • Final Challenge: Grande evento digitale dove sarà aperta una sessione di Q&A con tutti i CIO della Giuria collegati per decretare i vincitori delle diverse categorie. Durante l’evento sarà dato inoltre ampio spazio e momenti di approfondimento/ispirazionali (ottobre);
  • Celebration: Evento di proclamazione e promozione dei vincitori delle singole categorie tecnologiche alla presenza dei CIO e di un panel di relatori di rilievo (dicembre).

A tutti i progetti finalisti sarà data ampia visibilità su tutto il Network Digital360 con la pubblicazione di articoli dedicati e videoclip, che saranno diffusi anche attraverso le newsletter e i canali social del Gruppo.

Digital360 Awards 2020: come partecipare

È possibile candidarsi ai Digital360 Awards con progetti di innovazione che riguardano una delle seguenti categorie: Big Data Analytics, Cloud Computing, CRM/Soluzioni per Marketing e Vendite, Internet of Things, Machine Learning e Intelligenza Artificiale, Mobile Business, Smart Working e Collaboration, Soluzioni B2b e di eSupply Chain, Soluzioni infrastrutturali, Blockchain.

A differenza di altri contest però, oltre al criterio di originalità e innovazione, sarà considerato fondamentale quello di replicabilità. I progetti devono, infatti, essere stati implementati in almeno una realtà e devono poter essere replicabili.

Il terzo criterio adottato è quello della rilevanza dei benefici apportati.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3