Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Sponsored Story

Firma Digitale: InfoCert lancia Dike GoSign, la versione rinnovata del suo software Dike

Firmare digitalmente, verificare le firme, apporre la marca temporale – non solo da desktop, ma anche via web o tramite app mobile -, condividere documenti con terze parti, tracciare tutte le operazioni. Ecco in estrema sintesi le nuove funzionalità della piattaforma Infocert

16 Ott 2019

Pasquale Chiaro*

Product Marketing Manager di InfoCert – Tinexta Group

InfoCert ha completamente ripensato il suo software di firma digitale Dike, ribattezzandolo Dike GoSign. La soluzione, da tempo adottata con successo da migliaia di professionisti, garantisce agli utenti un’esperienza d’uso impareggiabile, peraltro senza nessun costo aggiuntivo e con la garanzia di piena validità legale in tutta Europa.

Com’è nato Dike GoSign e le sue peculiarità

Partendo dal presupposto che lo “studio digitale” è una realtà sempre più diffusa e sono tanti e tangibili i vantaggi legati alla gestione delle pratiche senza carta, già apprezzati da avvocati e commercialisti (come il contenimento dei costi, la velocizzazione del lavoro e l’aumento della produttività), oggi, però, i professionisti richiedono nuovi strumenti. Hanno bisogno, infatti, di soluzioni che non solo consentano loro di adempiere agli obblighi normativi connessi alla digitalizzazione, ma che permettano anche di lavorare più agilmente e comodamente, ad esempio potendo firmare le proprie pratiche in qualsiasi momento, ovunque ci si trovi e sempre in totale sicurezza.

Nasce da qui la decisione di Infocert di rinnovare il suo software di firma digitale, introducendo tre importanti novità:

1. Omnicanalità: per firmare senza confini

Dike GoSign consente di firmare digitalmente, verificare le firme e apporre la marca temporale non solo da desktop, ma anche via web o tramite app mobile. In questo modo i professionisti possono firmare i propri documenti e gestire le proprie pratiche ovunque si trovino, anche senza dispositivi fisici di firma quali smart card o chiavette usb.Sempre con i più alti livelli di affidabilità e sicurezza garantiti da InfoCert.

2. Libro Firma: per condividere documenti da firmare mantenendo il pieno controllo

Condividere documenti con terze parti, tenendo sempre tutto sotto controllo, è fondamentale quando si lavora lontano dal proprio studio e dai propri colleghi o collaboratori. Dike GoSign permette di creare processi di firma che coinvolgono terze parti che possono sottoscrivere i documenti con qualunque dispositivo di firma.

3. Archivio della cronologia: per effettuare qualsiasi ricerca con facilità

Con Dike GoSign tutte le operazioni restano tracciate e sempre disponibili in un apposito archivio con la cronologia: così i professionisti possono facilmente consultare tutte le loro pratiche, non solo quelle correnti, ma anche quelle già chiuse da tempo.

Niente più processi approvativi bloccati o tempi improduttivi quando si è lontani dallo studio, dunque, grazie al nuovo software di firma InfoCert. E, in più, Dike GoSign è scaricabile in pochi minuti e, come detto, gratuito.

Basta registrarsi sul sito InfoCert e creare un proprio account. Grazie ad un’interfaccia semplice e intuitiva, l’utente viene guidato attraverso le tante funzioni disponibili, attualmente più di trenta.

Il software, inoltre, può essere utilizzato con qualsiasi certificato di firma – anche non InfoCert – purché attivo.

E, se si è già in possesso della Wireless Key InfoCert, è possibile sfruttare la tecnologia Bluetooth per accedere con il proprio certificato di autenticazione, da qualsiasi dispositivo mobile ad esempio al proprio Cassetto Fiscale o per autenticarsi ai servizi online della Pubblica Amministrazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Pasquale Chiaro*
Product Marketing Manager di InfoCert – Tinexta Group

Articolo 1 di 4