Sponsored Story

Comarch Diagnostic Point, con la telemedicina il welfare aziendale è più “responsabile”

L’emergenza Covid-19 trasforma il welfare aziendale in una strategia a tutto campo. La tecnologia digitale supporta un ruolo attivo da parte delle organizzazioni nella tutela della salute e del benessere dei dipendenti. Il Diagnostic Point di Comarch si adatta a uffici e fabbriche, ma anche a aeroporti, centri commerciali e alberghi

05 Giu 2020

Redazione

L’emergenza Covid-19 ha impresso una nuova spinta alla crescita del programmi di welfare aziendale. In poche settimane la pandemia ha rivoluzionato l’intero mondo del lavoro, tra lockdown, Smart Working e nuove policy di sicurezza. La tutela della salute e del benessere dei propri lavoratori assume un nuovo significato e una nuova urgenza.

Esempi tipici delle iniziative di welfare aziendale sono l’assicurazione sanitaria e la pensione integrative, ma in generale sono comprese tutte le misure che tutelano e aumentano il benessere dei dipendenti, vero patrimonio di ogni azienda, e agiscono sul loro livello di engagement e motivazione, migliorandone la produttività, la soddisfazione e la fidelizzazione. Ciò permette alle aziende di rafforzare la propria immagine come datore di lavoro (employer branding), di attirare talenti e ridurre il turnover.

Comarch, la software house globale che si propone come partner tecnologico per la digitalizzazione e trasformazione digitale delle aziende, ha approfondito questi temi in un webinar dal titolo “Welfare aziendale e salute dei dipendenti post Covid-19”. Il discorso si è incentrato sul nuovo senso di responsabilità aziendale e sul ruolo della tecnologia digitale, in particolare le soluzioni di telemedicina, telemonitoraggio e teleconsulto, per supportare un ruolo attivo da parte delle organizzazioni nella tutela della salute e del benessere dei dipendenti.

Welfare aziendale e salute dei dipendenti post Covid-19: guarda il webinar

I Diagnostic Point: dall’ufficio all’aereo

La telemedicina rappresenta una soluzione efficace ai lunghi tempi di attesa per le visite e alla mancanza di specialisti disponibili; risponde inoltre alla crescente domanda di servizi medici personalizzati e facilmente accessibili. Una delle novità nel mercato sono i Diagnostic Point e, in questo ambito, il Comarch Diagnostic Point rappresenta una soluzione innovativa perché offre un accesso semplice e rapido a servizi medici di qualità, mettendo a disposizione dei pazienti attrezzature mediche con cui possono eseguire autonomamente le analisi dei parametri vitali fondamentali. I pazienti inviano poi i risultati via Bluetooth allo specialista mediante la piattaforma Cloud di telemedicina dedicata Comarch e-Care. In questo modo l’assistenza medica viene resa disponibile sul luogo di lavoro, ma anche nelle scuole, negli aeroporti, nei centri commerciali, nelle palestre, negli uffici e persino a bordo di una nave o di un aereo.

Comarch, soluzione anche mobile

Comarch Diagnostic Point è costituito da un’infrastruttura informatica integrata e da strumenti di misurazione che consentono la verifica dei parametri vitali di base del paziente (pulsossimetro, sfigmomanometro, termometro, registratore di eventi ECG, bilancia). Il medico visualizza i risultati e fornisce le opportune raccomandazioni.

La soluzione di Comarch è disponibile in tre versioni: fissa (per esempio per uffici, alberghi, centri di cura), mobile con valigetta (dotata di apparecchio portatile e tablet) e mobile con carrello. Le versioni mobili sono utili per i pazienti che hanno difficoltà a spostarsi (come nelle case di cura) o per i luoghi con limitazioni infrastrutturali (ad esempio navi da crociera, aeromobili, treni).

L’elemento fondamentale che consente il funzionamento del Diagnostic Point è il tablet con l’applicazione che guida il paziente in tutte le fasi dell’esame. L’utente avvia la sessione accedendo (o registrando un profilo) e compilando l’anamnesi medica. L’applicazione guida in modo semplice e intuitivo il paziente nel corso degli esami; i risultati delle misurazioni sono inviati in sicurezza alla piattaforma Comarch e-Care, tramite la quale il medico analizza le informazioni ricevute e, sulla loro base, raccomanda eventuali ulteriori azioni. Se c’è la necessità di contattare un medico specialista, è possibile concordare un videoconsulto o una visita presso uno studio medico.

Il paziente ha anche la possibilità di creare un profilo nell’applicazione Comarch HealthNote, una app che funge da diario della salute, all’interno del quale sono raccolte informazioni di carattere medico sia in termini di risultati di esami eseguiti presso i Diagnostic Point sia riguardo i dati aggiunti dal paziente direttamente nell’applicazione (documentazione medica, misurazioni dei segni vitali, disturbi).

L’Italia riparte in sicurezza

Il Comarch Diagnostic Point si adatta non solo agli uffici ma a molteplici a contesti. Per esempio, i centri commerciali sia grandi che piccoli possono promuovere la salute e lo stile di vita sano mettendo il cliente al centro delle proprie attività e interessi. In aeroporto, un luogo dove in questa fase di emergenza sanitaria è fondamentale tutelare la sicurezza, l’accesso diretto e rapido agli esami di base permette di aumentare tranquillità, comfort e soddisfazione dei passeggeri. Allo stesso modo il Comarch Diagnostic Point trova applicazione anche nei centri sportivi e nelle palestre, negli alberghi e nei centri di soggiorno, contribuendo al rilancio delle attività produttive e del turismo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
Comarch

Approfondimenti

C
Coronavirus
E
eHealth
H
healthcare
S
salute

Articolo 1 di 4