Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

business intelligence

Dalla “Data Scientist Digital Research” la fotografia della Data Science nelle imprese

Condotta da NetworkDigital360 in collaborazione con IBM, la survey è accompagnata da una serie di interviste e di servizi e offre una lettura delle opportunità e delle criticità che devono affrontare i professionisti dei Big Data

15 Gen 2018

Redazione

Considerato che oggi le aziende italiane sono in grado di gestire solo il 21% dei dati destrutturati (Fonte: Osservatorio Big Data Analytics e Business Intelligence, novembre 2017), il lavoro dei data scientist risulta quanto mai strategico, aiutando le organizzazioni a modellizzare problemi complessi e a identificare nuove opportunità di business. Un uso evoluto dei dati, infatti, aiuta a sbloccare il loro valore, rivelando la loro forza e le potenzialità intrinseche.

Peccato che, a dispetto di tante spinte all’innovazione e alla gestione ottimizzata dei dati, in Italia il foglio di calcolo resta ancora il principale strumento per il trattamento dei dati. A rivelare questi e altri dati rispetto alla maturità delle aziende italiane nell’uso dei Big Data è la Data Scientist Digital Research, condotta dagli analisti di BigData4Innovation in collaborazione con IBM, su un panel di grandi aziende del Nord Ovest (64%), del Nord Est (15%), del centro (15%) e del Sud (6%), operanti in tutti i settori.

Alla domanda “Che tipo di dati vi trovate prevalentemente a gestire in percentuale?” quasi la metà delle aziende (47%) risponde dati provenienti da Excel, il 26% dati in formato testo, il 7% immagini, il restante risponde con un generico “altro”. Il motivo è storico: la maggior parte dei dati arriva prevalentemente da gestionali, amministrazione e ambienti di produzione (89%) che, nell’informatizzazione progressiva aziendale, vedeva comunque le singole linee di business ragionare in modalità piuttosto compartimentate. Soprattutto, i dati venivano gestiti a consuntivo e formalizzati per interpretazioni a posteriori. È negli ultimi anni che i processi di integrazione, convergenza e di condivisione, unitamente a strumenti di raccolta e di analisi sempre più precisi e avanzati hanno portato le aziende a cogliere nuove opportunità dai Big Data.

Il 22% dei dati arriva da partner o da terze parti specializzate nella gestione dei dati e il 21% da sistemi di relazione con i clienti (in cui sono inclusi i sistemi di pagamento). Solo il 6% delle informazioni arriva dagli open data, il 4% dai social, il 3% da mobile e IoT. Come sottolineano gli esperti, la vera potenzialità dei Big Data, che si può esprimere nella gestione dei grandi patrimoni di dati e soprattutto nella capacità di allargare la conoscenza a quel capitale informativo proveniente da immagini, video e audio, è ancora troppo poco sfruttata nella progettualità delle imprese.

Gli skill per i data scientist nelle imprese italiane

La survey ha voluto portare l’attenzione sugli skill necessari per attuare i progetti Big Data nella realtà concreta e quotidiana di ciascuna impresa. In particolare, si è chiesto ai partecipanti di indicare le competenze ritenute più critiche nelle risorse dedicate alla Data Science. Da questa prima fotografia emerge con estremo pragmatismo che i Big Data passano prima di tutto dalla capacità di estrarre dati per quasi 7 aziende su 10 (67%).

A grande distanza segue la capacità di lavorare in team che con il 16% delle risposte, e poi le competenze di business e management (12%), testimonianza del ruolo che la Data Science può svolgere a livello di indirizzo e supporto al business. Seguono, nell’ordine, le competenze di Sviluppo software e programmazione (11%), di Data Visualization (10%), di Data Mining (9%), di Statistica (7%) e di Machine Learning (5%). Quest’ultimo rappresenta la frontiera della sperimentazione più innovativa: le aziende si stanno affacciando solo ora alle grandissime opportunità portate avanti da forme di apprendimento automatiche.

I mercati di destinazione della data science

Una parte dell’analisi si è focalizzata sui settori che oggi indirizzano in modo prevalente lo sviluppo di progetti Data Science. Ne emerge che in Italia la Pubblica Amministrazione è – forse un po’ a sorpresa – il settore più attivo, con il 28% delle risposte, seguita dal Manifatturiero che probabilmente risente dei benefici effetti del fenomeno Industria 4.0 e conquista il 15% delle citazioni.

Il settore ICT segue con una quota del 14%, poi le Banche con il 10%, il Retail e la GDO con il 10%. Con il 7% si attesta il settore Agroalimentare (in riferimento al grande lavoro che viene realizzato a livello di Smart Agrifood e di tutte le imprese che operano nella filiera), quota per altro analoga a quella delle Assicurazioni, e dal Pharma che sperimentano sui Big Data da più tempo. Il mondo dell’Education è a sua volta un motore per le progettualità Data Science nel 6% delle citazioni e l’Automotive nel 4%. Con quote del 2% e dell’1% seguono Consulenza, Media e Advertising, Enti e Associazioni e Telco.

E la ragione principale delle attività dei Big Data nelle imprese coinvolte? Più di 8 aziende su 10 indica l’analisi delle esigenze e degli obiettivi (81%). Poi c’è l’ottimizzazione dei processi (67%) seguita a ruota dalla volontà di una maggiore conoscenza dei clienti e del supporto allo sviluppo del business, a pari merito con la volontà di gestire meglio attività e team (62%). Anche le aziende italiane, infatti, hanno capito l’importanza della data driven economy.

Per scaricare gratuitamente la ricerca completa cliccare qui

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5