Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

le priorita\' dei CIO nel 2013

Consolidamento e un nuovo data center per la Regione Lombardia

L’obiettivo il disaster recovery di tutte le applicazioni di Regione e la business continuity dei processi critici, anche nella logica di rendere sicuro l’utilizzo di strumenti di mobilità del dipendente. Business intelligence per il controllo strategico dell’efficacia delle politiche. Intervista ad Antonio Samaritani, Direttore Sistemi Informativi e ICT della Regione Lombardia.

08 Feb 2013

La Regione Lombardia governa un territorio di circa 9.600.000 abitanti, ripartito in 12 province e 1.546 comuni. L’Ente Regione si occupa di numerose aree, tra cui le politiche per il Commercio, Artigianato, Servizi, Agricoltura e Industria; la Casa, la Famiglia, i Giovani e l’Istruzione; la Protezione Civile, il Territorio, l’ Urbanistica e la Qualità dell’Ambiente; la Sanità che incide per il 70% sul budget ICT regionale. La Regione sviluppa ed eroga i servizi ICT attraverso la società in house Lombardia Informatica.

Di fronte a un bacino di utenza tanto esteso, la Regione Lombardia ha deciso di concentrare gli investimenti ICT nel 2013 sul completamento e il consolidamento delle attività avviate. “In particolare, ci focalizzeremo sul consolidamento infrastrutturale e il completamento del nuovo data center che consentirà di organizzare il disaster recovery di tutte le applicazioni di Regione e di avviare per i processi critici la business continuity, su sistemi e politiche di sicurezza anche nella logica di rendere sicuro l’utilizzo di strumenti di mobilità del dipendente e su sistemi di business intelligence per il controllo strategico dell’efficacia delle politiche” spiega Antonio Samaritani, Direttore Sistemi Informativi e ICT della Regione Lombardia.


Accanto alle priorità di investimento, il 2013 vede l’Ente del Governo impegnato anche nell’implementazione a livello organizzativo di un modello di full outsourcing realizzato in parte con fornitori di mercato in parte con Lombardia Informatica, la società in house di Regione Lombardia. “L’obiettivo per il 2013 è continuare il percorso di crescita nelle competenze di Demand Management e organizzare con Lombardia Informatica processi di governance e controllo in linea con le best practice di mercato” commenta Samaritani, concludendo: “in particolare verrà ridefinito il contratto di servizio secondo le indicazioni emerse durante il bechmarking svolto durante il 2012”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

2
2013
C
cio
R
Regione Lombardia

Articolo 1 di 5