Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

BIG DATA MANAGEMENT

Con le Business Analytics si fa Enterprise 3.0. Anche in Italia

Non c’è Business Intelligence senza data management e non c’è enterprise 3.0 senza social analytics. La sfida oggi è imparare a gestire le informazioni destrutturate che passano dai social network e da un mondo sensorizzato, che consente di intercettare bisogni ed emozioni, grazie a sistemi di analisi sempre più precisi e puntuali

02 Mar 2015

Laura Zanotti

Quello che sta facendo la differenza nella Business intelligence come l’abbiamo conosciuta fino ad oggi, è un passaggio epocale in cui oltre alle informazioni strutturate, stiamo imparando a gestire quelle destrutturate che vengono dai social media e da tutto un mondo sempre più sensorizzato e comunicante, al momento chiamato Internet of Things.

Big data management, infatti, significa gestire flussi di informazioni crescenti, che arrivano da una combinazione di quattro elementi fondamentali: IoT, Mobile, App e social network. Per la governance significa ampliare la portata delle vision, imparare a guardare le filiere da cui si generano i flussi dei Big Data, identificando gli attori e i vettori di queste informazioni. Perché farlo? Perché sono le informazioni che aiutano aziende e organizzazioni a capire come organizzare il lavoro, supportando meglio cittadini, clienti, consumatori, attraverso una comprensione che permette di migliorare i servizi, preservare la sicurezza, vendere di più e meglio, sviluppare meglio il business a livello strategico e operativo.

Il presupposto di partenza? Che l’esperienza delle persone oggi passa dalla Rete attraverso i social network e che la navigazione on line è sempre più smart… phone. Enterprise 3.0 e digital experience, dunque, rappresentano un nuovo capitolo del Business (e della Business intelligence). Il problema è che non è facile estrarre valore dai dati, soprattutto se destrutturati, senza dotarsi di strumenti in grado di analizzarli in tempo reale. Ci sono settori strategici come, ad esempio la sanità, che grazie a questo tipo di risorse diventa sempre più efficiente perché sempre più intelligente. La governance non può non tenere conto di questa evoluzione.

Perché sono le analisi a fare la differenza

L’attenzione crescente al tema delle Analytics nell’ambito della Business Intelligence nasce dalla volontà di ricavare informazioni e conoscenza utilizzabili nei processi decisionali, mediante logiche di estrazione flessibili, metodologie di analisi e modelli matematici di predizione e ottimizzazione.

“Il mercato Big Data Analytics in Italia si conferma, anche quest’anno, in forte espansione con un trend di crescita del +25% – ha spiegato Carlo Vercellis, Responsabile scientifico dell’Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence – tale dinamica, tuttavia, appare trainata più dall’entusiasmo e dalle opportunità suscitati dai Big Data Analytics, che da un maturo utilizzo delle tecnologie, a conferma della fase di hype e di aspettativa che caratterizza questo trend fin dalla sua comparsa. La crescita di questo mercato, sia in Italia che a livello internazionale, è sostenuta dalla disponibilità di tecnologie di storage a basso costo, dalla crescente mole di dati generati dal web e dalla diffusione di un numero sempre maggiore di dispositivi mobile che permettono di utilizzare app, fare pagamenti e interagire con dispositivi intelligenti. Nel 2014 si stima vi siano 1,85 miliardi di smartphone al mondo, un numero destinato a crescere fino a 2,89 miliardi nel 20171. In un minuto sul web vengono inviate 208 milioni di email, lanciati 277 mila tweet, condotte 4 milioni di ricerche su Google, svolti 695 mila aggiornamenti di stato su Facebook; si stima, inoltre, che nel 2020 saranno 26 miliardi i dispositivi connessi a internet ad abilitare il mercato dell’Internet of Things”.

In Italia non si parla ancora di un approccio strategico al Big Data Management. Secondo i dati degli Osservatori del Politecnico, nel nostro Paese c’è ancora un utilizzo incentrato sui dati interni aziendali, che rappresentano l’84% del totale dei dati utilizzati, a differenza del resto delle nazioni europee dove questa quota scende al 70% a favore dei dati esterni.

Ieri Business Intelligence. Oggi e domani Big Data Analytics

In linea con lo scenario internazionale, gli analisti del Politecnico raccontano come anche in Italia, a fronte di una sempre maggiore quantità di dati a disposizione delle organizzazioni, il volume complessivo dei dati utilizzato dai sistemi di BDA &BI prosegue il trend di crescita (+23% rispetto al 2013). Eppure gli esperti indicano come il 90% dei dati presenti nell’universo digitale sia di natura destrutturata. Così, a fronte di una gestione più pragmatica e funzionale legata alle informazioni di supporto alla BI, aziende e organizzazioni iniziano a gestire anche il volume dei dati semi-strutturati e destrutturati. Gli studi indicano che nel 2014 c’è stata una crescita (+31%) della gestione dei dati destrutturati rispetto al 2013 rispetto a quelli strutturati (+21%). Le opportunità, dunque, sono molteplici, se si pensa che ancora meno del 50% dei dati disponibili nei sistemi aziendali vengono effettivamente utilizzati nelle applicazioni di Big Data Analytics.

“Tra i i dati prevalentemente utilizzati nei sistemi BDA & BI – prosegue Vercellis – vi sono le tabelle, i record, le documentazioni di office automation nel 95% dei casi, dati XML e standard simili nel 41%, e-mail e file di testo nel 24%, dati correlati a eventi come messaggi real-time nel 17%. Meno utilizzati, invece, risultano i dati geografici (19%), log web e clickstream (14%), dati di telecomunicazione quali traffico voce (12%), social media data (12%), dati generati da sensori (10%) e dati audio, video o immagini (8%)”.

L’Enterprise 3.0 passa dalla digital experience

L’85% delle informazioni che circolano oggi in rete è prodotto dall’uomo e compreso dall’uomo: parliamo di documenti, video, audio, immagini, testi, email, mobile, ricerche on line e social media. La nostra vita è sempre più digitale e di fatto non si può parlare di Enterprise 3.0 senza parlare di digital experience. Tra gli strumenti analitici che stanno affermandosi nelle aziende pubbliche e private, la sentiment analysis ha un ruolo crescente. Ad esempio nel caso delle elezioni politiche o dei giochi sportivi, ma anche nelle campagne di marketing associate al lancio di nuovi prodotti o, ancora, nel caso di eventi e manifestazioni.

La semantica dei nostri comportamenti, infatti, oggi più che mai passa dall’informatica. Per chi si occupa di gestione dei dati il momento è cruciale. La questione è che questo tipo di dati sono condivisi dall’Ict con il marketing, con la produzione, con la forza vendita… Tutta l’organizzazione, e quindi tutto il business, ruotano attorno all’intelligence dei sistemi che, attraverso le business analytics riescono ad estrarre informazioni non solo a consuntivo, ma anche a preventivo.

Questo permette proattività e, nel caso dell’enterprise 3.0, anticipazione. Come? Stabilendo obiettivi di percorso in cui si integrano dati strutturati e non strutturati nelle piattaforme aziendali. Dati destrutturati che fanno parte di una digital experience in cui le nostre azioni si traducono in una pluralità di azioni registrate in rete e che permette al management di disporre di informazioni in modo diverso, più approfondito ma anche più strategico.

L’evoluzione tecnologica porterà alla Business Discovery in cui le tecnologie aiuteranno le aziende a rispondere a domande imprevedibili, libere e non strutturate. L’importante, ricordano gli esperti, è depurare i dati dal rumore bianco e garantire livelli elevati di attendibilità delle informazioni.

Con le Business Analytics si fa Enterprise 3.0. Anche in Italia

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3