GUIDE E HOW-TO

B Corp, generare un impatto positivo sulla società e l’ambiente fa bene (anche) ai brand e al business

Aumenta il numero di aziende che decidono di abbracciare modelli organizzativi più inclusivi e circolari senza, tuttavia, sacrificare la sostenibilità economica. Il movimento B Corp si allarga e conta ormai su diverse migliaia di organizzazioni nei cinque continenti. Tutto quel che c’è da sapere sulle B Corporation, costi e vantaggi della certificazione

20 Set 2022

Annalisa Casali

Conciliare la sostenibilità economica della propria attività con l’etica, realizzando un impatto positivo sull’organizzazione interna, la società e l’ambiente. A questo mirano le B Corp, aziende che hanno aderito al movimento omonimo ormai diffuso in tutto il mondo.
In un momento storico in cui le famiglie sono sempre più attente all’impatto delle loro abitudini di consumo aumenta il numero di aziende che hanno deciso di abbracciare modelli produttivi più circolari e inclusivi senza, tuttavia, sacrificare la sostenibilità economica.

La certificazione B Corp identifica le organizzazioni che, oltre a perseguire obiettivi economici di profitto, rispondono anche agli standard più elevati di tutela ambientale ed equità sociale. Una Certified B Corporation si impegna pubblicamente a rispettare livelli minimi molto ambiziosi nella valutazione dell’impatto positivo che le proprie attività hanno sull’organizzazione stessa, la società e l’ecosistema in cui è inserita. Sbaglia, però, chi le confonde con le società no profit, che sostanzialmente operano in assenza del vincolo di sostenibilità economica. Il ritorno economico deve essere garantito, quindi, ma si tratta solo di uno degli scopi che queste aziende perseguono nel tentativo di coniugare etica e profitto, benessere societario e dei singoli individui. A guidarle nello stare sul mercato è, infatti, l’obiettivo di garantire un impatto positivo sulla società e il pianeta.

Cosa è la certificazione B Corp

Si tratta di una certificazione rilasciata dall’ente no profit statunitense B Lab. Una dichiarazione che attesta l’impegno dell’azienda sulle tematiche ambientali e sociali. Il processo per ottenerla non è banale. Si parte dal compilare un Business Impact Assessment (BIA), ovvero un questionario che valuta l’impegno dimostrato dall’azienda rispetto a 5 dimensioni rilevanti:

WHITEPAPER
La RPA in 9 step: da dove si comincia?
Intelligenza Artificiale
Realtà virtuale
  • Persone: ambiente di lavoro, salari, benefit, formazione
  • Governance: responsabilità sugli obiettivi e trasparenza nella comunicazione
  • Comunità: sostegno alla comunità di riferimento, riflessi sull’occupazione e la prosperità delle località limitrofe
  • Ambiente: riduzione dei rifiuti, efficienza energetica
  • Clienti: impatto positivo dei prodotti e servizi sulla vita dei consumatori

Se l’esito finale del questionario di auto-valutazione è di almeno 80 punti su 200, l’azienda potrà avviare il percorso di validazione, sottoponendosi all’audit delle proprie attività da parte di B Lab. A seconda del settore, del numero di dipendenti, delle geografie in cui opera l’azienda, il questionario online regola i coefficienti delle diverse domande, per aumentare o ridurre la loro rilevanza. È ovvio, quindi, che le aziende manifatturiere avranno un coefficiente rinforzato (e dovranno faticare di più per ottenere o mantenere la certificazione) nella categoria “ambiente”, mentre quelle che hanno molti dipendenti avranno coefficienti più pesanti nella categoria “persone”.

A seguito delle ulteriori verifiche della documentazione fornita, B Lab deciderà se conferire o meno la certificazione. Una volta ottenuta, per mantenerla le aziende devono sottoporsi a una valutazione periodica delle proprie performance e mantenere entro determinati range il punteggio di valutazione.

Qual è l’obiettivo del movimento globale delle B Corp

Lo scopo del movimento è diffondere nel mondo un approccio pragmatico alla valutazione delle performance ambientali e sociali delle aziende. Questo significa accettare di misurare l’impatto positivo del proprio operato con una rigorosità del tutto assimilabile a quella adottata per la valutazione dei risultati economico-finanziari, sulla base di un processo di audit strutturato.

Quali sono i vantaggi della certificazione B Corporation

La certificazione si applica a tutta l’azienda e, una volta ottenuta, le neo B Corp sono autorizzate a utilizzare il logo Certified B Corporation in tutte le comunicazioni aziendali per promuovere i propri prodotti e servizi sui siti Web e i social. A guadagnare dall’apposizione del sigillo è soprattutto la Brand Reputation e, con essa, le performance finanziarie dell’azienda ma anche la sua capacità di attrarre capitali e talenti.

Qual è il costo della certificazione B Corp

La spesa (fee) da sostenere ogni anno per mantenere la certificazione è compresa tra i 500 e i 50.000 euro, in relazione al valore del fatturato. La tariffa copre parte dei costi operativi “vivi” sostenuti dall’ente no profit B Lab. Per la quota rimanente, invece, va a finanziare alcuni servizi riservati in esclusiva alle società certificate e contribuisce a sostenere la diffusione degli strumenti di misurazione e assessment in tutto il mondo.

Qual è la differenza tra società Benefit / Benefit Corporation e B Corp

Spesso il termine B Corp viene utilizzato come sinonimo di società Benefit o Benefit Corporation. Si tratta tuttavia di un errore, poiché le due denominazioni non indicano la stessa tipologia di azienda. La società Benefit, infatti, è una forma giuridica societaria legalmente riconosciuta dal diritto italiano. La Benefit Corporation potrà essersi costituita come tale, oppure essere nata come società di persone, capitali o altra forma e aver successivamente modificato il proprio statuto costitutivo per integrare gli elementi di conformità previsti dalla legge italiana in materia. Per comprendere meglio cosa è una società Benefit, potete fare riferimento a questo contenuto.

Il termine B Corp o B Corporation indica, invece, l’impresa che ha ottenuto la certificazione B Lab. Per ottenere il “sigillo” non è necessario essere una società Benefit. È, invece, obbligatorio per le aziende italiane certificate B Corp adottare la forma giuridica della società Benefit per poterla mantenere.

Un’azienda, pertanto, potrà:

  • Essere società Benefit e certificata B Corp
  • Non essere società Benefit ma essere certificata B Corp (tuttavia dovrà trasformarsi in società Benefit se vorrà mantenere la certificazione)
  • Essere Società Benefit ma non essere certificata B Corp

Quali aziende possono diventare B Corp

Possono ottenere la certificazione tutte le tipologie di aziende for profit, ovvero:

  • Società di persone: Società Semplici, Snc (Società in nome collettivo) e Sas (Società in accomandita semplice)
  • Società di capitali: Srl (Società a responsabilità limitata), Srl semplificate, Spa (Società per azioni)…
  • Imprese sociali
  • Consorzi e cooperative

Non sono ammesse alla certificazione le realtà che operano senza scopo di lucro, ovvero le cosiddette società no profit o non commerciali.

Quanto dura la certificazione B Corp

La certificazione B Corp vale per tre anni dalla data di ottenimento. Oltre questo periodo, si dovrà chiedere un rinnovo. Ogni anno, tuttavia, l’azienda è tenuta a rendicontare la propria attività, presentando a B Lab e pubblicando sul proprio sito Web una relazione in cui sono indicati gli obiettivi fissati e quelli raggiunti, oltre alla definizione di un piano d’azione contente le iniziative che intende attuare l’anno successivo per migliorare il proprio impatto.

Quante B Corp ci sono in Italia e nel mondo oggi

Gli ultimi dati ufficiali rilasciati da B Lab mostrano che le B Corp certificate sono oltre 5.700, suddivise tra 158 industrie in 85 nazioni. In Italia se ne contano quasi 150. Aboca, Alessi, Chiesi Farmaceutici, Davines, Fratelli Carli, Fileni e Illy sono solo alcune delle realtà del Belpaese che possono fregiarsi del logo B Corp sui propri prodotti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
C
Annalisa Casali

Giornalista professionista, da oltre vent'anni scrive di innovazione del business in chiave digitale, ma senza tradire il suo primo amore: il marketing. Curiosa per natura, cerca di spiegare la tecnologia con parole semplici

Articolo 1 di 4