Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

business case

Voice picking per i surgelati di Stenico

A 25 gradi sotto zero, gli addetti usano la voce per dialogare con il sistema di gestione nel magazzino. Attualmente si possono movimentare 4 milioni di colli di prodotti surgelati l’anno.

26 Nov 2012

Stenico, azienda specializzata nella gestione logistica per conto terzi, ha scelto di portare il proprio magazzino all’avanguardia tecnologica, adottando la tecnologia vocale con il duplice obiettivo di aumentare la produttività e di ridurre i costi complessivi di gestione.

Per supportare la crescita aziendale, a partire dal 2007 Stenico ha costruito e rinnovato il proprio magazzino dei surgelati.

Alla necessità di crescita dimensionale si è affiancato il bisogno di un’automazione del magazzino per un incremento dell’efficienza dei processi fisici e informativi.

Stenico ha deciso di adottare la tecnologia RFId per l’automazione delle operazioni di carico, ricevimento merci, messa a dimora e ripristino e la soluzione Vocollect per le operazioni di picking nel magazzino, a una temperatura di -25° C, grazie al supporto di KFI, Vocollect Voice Total Solution Provider.

Ora gli addetti, costretti dal freddo all’utilizzo di guanti voluminosi che rendono meno fluidi i movimenti, sono in grado di dialogare a voce direttamente con il sistema di gestione, superando così le difficoltà di usare le mani per registrare i dati.

L’utilizzo della voce e dell’implementazione hanno consentito all’azienda un netto miglioramento della velocità di preparazione degli ordini con un conseguente incremento della produttività, ottenendo anche più accuratezza del preparato e un maggiore e puntuale monitoraggio del lavoro.

Attualmente è possibile la movimentazione di 4 milioni di colli di prodotti surgelati all’anno con un miglior coordinamento tra attività di preparazione e trasporti e una minore attesa tra un ordine di preparazione e l’altro.

Articolo 1 di 5