Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

case history

Sephora, il software di demand planning riduce gli over-stock dei negozi a Natale

La soluzione è già attiva in 330 punti vendita in Francia e diventerà lo standard aziendale: copre anche il capacity planning e supporta i 4 obiettivi strategici di demand management della catena di prodotti di bellezza

19 Gen 2016

redazione

Sephora, la catena multinazionale di distribuzione di prodotti di bellezza, ha avviato un progetto battezzato “Galaxy” per la trasformazione dei propri processi di supply chain, che ha previsto tra l’altro l’introduzione di nuove competenze, e la comunicazione e formazione di tutte le funzioni coinvolte, sia su tematiche di previsione che di change management. Il meeting di “Sales & Operations Planning” oggi coinvolge tutte le aree aziendali compresi Marketing, Supply Chain e Finanza.

Nell’ambito di questo progetto, Sephora ha adottato la soluzione TXTPlanning di TXT Retail per la previsione della domanda e la pianificazione dei rifornimenti a tutti i punti vendita su scala globale. Il software copre già 330 negozi in Francia, a cui il piano di roll out prevede seguano i punti vendita di Polonia, Cina e Stati Uniti, e diventerà lo standard aziendale per la gestione di tutti i punti vendita, che sono oltre 2100 in 32 paesi, inclusi 360 in Nord America. Il gruppo Sephora gestisce negozi a marchio proprio, ha contratti di concessione in centri commerciali e negozi online, e unisce a un assortimento di oltre 65.000 prodotti la presenza di consulenti di bellezza e benessere, esperienze d’acquisto interattive, centri di innovazione.

Come spiega un comunicato, l’uso del software di TXT per la previsione della domanda e la pianificazione dei rifornimenti sta già generando benefici significativi. La rotazione delle scorte è aumentata e questo ha ridotto i livelli di magazzino al punto vendita, gli stock-out e il tasso di obsolescenza dei prodotti. In particolare la capacità di anticipare la domanda e iniziare a pianificare per il periodo di Natale già a settembre, ha aumentato l’agilità e prodotto molte efficienze, come la riduzione degli over-stock ai punti vendita. Meno pressione sulle consegne e una miglior pianificazione si traducono nella capacità per i negozi di restare completamente focalizzati sul cliente in un periodo così strategico.

Pianificare per un business dinamico e in forte crescita come Sephora è estremamente complesso, sia per l’alta stagionalità di alcuni cosmetici, sia per la variabilità dei tempi di consegna da parte di molti fornitori. L’innovazione continua, e le molte iniziative che impattano sulle vendite, come i consulenti di bellezza, gli spazi espositivi e le campagne promozionali, sono solo alcune delle sfide per i pianificatori dell’azienda.

In questo quadro la soluzione di pianificazione della domanda appena implementata supporta i quattro obiettivi chiave definiti da Sephora in quest’ambito: elaborare le previsioni della domanda sulla base delle vendite in negozio, e poter analizzare i dati a livello settimanale, di articolo e di punto vendita; gestire l’insieme dei prodotti in assortimento, compresi quelli a bassa rotazione; “propagare” la domanda dai negozi ai centri di distribuzione fino ai fornitori, garantendo una maggiore accuratezza delle previsioni; prevedere la domanda tenendo conto di eventi, attività promozionali, stagionalità.

Sephora utilizza inoltre le funzionalità di capacity planning di TXT che permettono di ottimizzare i rifornimenti a livello di negozio e di magazzino nei periodi con i massimi picchi di vendita. La previsione oggi ha un orizzonte di 4 mesi, e guida i rifornimenti a monte generando gli ordini ai fornitori. Si tratta, sottolinea Sephora, di un aspetto particolarmente importante in periodi di punta come il Natale, quando non si possono emettere tutti gli ordini a metà dicembre.

Articolo 1 di 5