Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PA Digitale

In Liguria la lotta contro la corruzione passa dal Web

Con il nuovo portale AppaltiLiguria, la Regione si allinea alla normativa vigente e offre un canale di visibilità in più sull’affidamento di lavori, forniture e servizi. In primo piano, soprattutto le informazioni riguardanti i servizi offerti e i vincitori degli appalti, alla ricerca della massima trasparenza

12 Mag 2014

Giuseppe Goglio

Quanto sia difficile per un Ente pubblico trovare e applicare le giuste contromisure a inefficienza e soprattutto corruzione è possibile verificarlo di persona praticamente tutti i giorni attraverso le cronache. L’impegno tuttavia non manca e in questo la tecnologia e la Rete offrono strumenti in più. Su questo ha deciso di puntare la Regione Liguria con il servizio di AppaltiLiguria pensato per ottenere le informazioni relative a ogni procedimento di scelta del contraente per l’affidamento di lavori, forniture e servizi.

L’iniziativa risponde prima di tutto alla normativa vigente in materia di trasparenza e anticorruzione, con lo scopo di poter interrogare la base dati degli appalti pubblici sul territorio. Risale infatti a gennaio 2013 la decisione dell’Autorità di Vigilanza dei Contratti Pubblici (AVCP) di predisporre un tracciato di interscambio dati, verso l’Autorità e verso il pubblico, delle informazioni relative a queste categorie di atti pubblici.

La funzionalità messa a punto dall’Ente locale consente di visualizzare e scaricare i dati relativi ai contratti pubblici già rilevati nell’ambito del monitoraggio, proprio nel rispetto del tracciato xml previsto dall’AVCP. I dati pubblicati rappresentano la fotografia di quanto inserito dalle stazioni appaltanti, in particolare riguardo ai dati degli offerenti e degli aggiudicatari.

È inoltre disponibile una modalità parametrizzata: ogni stazione appaltante, personalizzando la url del servizio con il codice fiscale del proprio Ente, ottiene un link che opportunamente trattato costituisce adempimento agli obblighi del decreto legislativo 33/2013 in materia di trasparenza e anticorruzione.

Più in generale, il portale rientra  nel quadro di e-Liguria, il piano di azione territoriale per l’attuazione delle politiche regionali di eGovernment.  Gli obiettivi principali del progetto AppaltiLiguria sono prima di tutto la condivisione di informazioni essenziali per la programmazione e gestione degli appalti pubblici tra varie Amministrazioni, ma anche una significativa riduzione della spesa e un incremento dell’efficienza organizzativa mediante la diffusione negli Enti locali liguri di applicativi in Rete per la programmazione e gestione degli appalti.

Il portale prevede un’area pubblica e una riservata. Nella prima sono previste diverse sezioni a carattere  soprattutto informativo, aperte a tutti,  mentre l’area riservata consente di accedere anche a documenti-tipo, piani e programmi, applicativi gestionali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
In Liguria la lotta contro la corruzione passa dal Web

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 5