Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Analisi di mercato

Gartner, crescono le soluzioni IT per Procurement e Supply Chain

Il mercato mondiale delle soluzioni dedicate agli acquisti e alla gestione logistica ha toccato gli 8,9 miliardi di dollari, con una crescita del 7,3% rispetto al 2013. Tutti i dati di fatturato e quote di mercato dei “Top 5”: leader del settore rimane SAP, seguita da Oracle e JDA Software

18 Giu 2014

Redazione

Il mercato mondiale del software dedicato al procurement e al supply chain management è cresciuto del 7,3% nello scorso anno, toccando 8,9 miliardi di dollari nel 2013.

A darne evidenza Gartner, in un rapporto presentato a maggio negli Stati Uniti nel corso della Gartner Supply Chain Executive Conference 2014.

Nonostante il comportamento cauto dei decision maker in tema di budget destinati all’IT, le performance di questo comparto sono buone e il trend è positivo, infatti gli investimenti stanno crescendo.

«Questo scenario si è tradotto in una competizione più intensa sui prezzi e in una riduzione del controvalore dei contratti – spiega il Research Vice President di Gartner, Chad Eschinger -. Ad avere un ruolo di primo piano, in termini di impatto sul fatturato e di traino per la crescita, sono le soluzioni basate su sottoscrizioni o sul Cloud, che però, con l’eccezione del mercato procurement, dove predomina il software as a service, hanno ancora poca incidenza in termini assoluti rispetto alle soluzioni tradizionali basate su licenza on-premise. Quindi, mentre i tassi di crescita del Cloud sono elevati, la dimensione assoluta di questo segmento è molto bassa e molte delle soluzioni in questo campo sono usate per funzionalità specifiche, piuttosto che per implementazioni complete».

Sul podio del mercato, SAP resta il leader del settore con una crescita del 24% e con il 23,9% di quota di mercato, corrispondente a 2,14 miliardi di dollari di fatturato, confermandosi al vertice da oltre un decennio. Al secondo posto c’è Oracle, che detiene il 16,3% del mercato, seguito da JDA Software, che ne rappresenta il 15%, dopo un anno di transizione caratterizzato da un processo di razionalizzazione dei prodotti e dalla fusione nel 2013 con RedPrairie.

Top Five fornitori software SCM e Procurement, Worldwide 2013 (Milioni di dollari) - FONTE Gartner (Maggio 2014)

Da uno sguardo d’insieme, si evince che i primi 10 fornitori complessivamente possiedono il 55,3% del mercato SCM – confermando le loro precedenti posizioni. I restanti 58 vendor classificati hanno registrato una crescita di fatturato del 18,3%, a sottolineare il fatto che le opportunità in questo mercato non derivano solo dalle acquisizioni ma anche da una forte domanda per soluzioni specializzate, che sono competitive, e spesso complementari, a quelle offerte dai fornitori più blasonati.

Eschinger spiega che anche se attraverso le acquisizioni i leader di mercato hanno consolidato le loro posizioni, si sono anche aperte opportunità per i vendor più piccoli, i cosiddetti best of class (BOC). «Queste opportunità sono dovute al fatto che gli utenti cercano soluzioni alternative a quelle dei più grandi fornitori, e al timore, all’incertezza e al dubbio associati alle fasi iniziali di un processo di fusione o acquisizione. Tipicamente, esiste una finestra di 12-18 mesi che aumenta le opportunità per i concorrenti. Questo è evidente nei risultati del mercato nel 2013, con i fornitori BOC che, collettivamente, sono cresciuti più del doppio rispetto alla media del mercato».

Articolo 1 di 5