Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

financing & leasing

Soluzioni digitali a consumo flessibile: la generazione delle tecnologie pay-per-use

Oggi l’infrastruttura IT deve consentire di gestire la domanda e di affrontare il mercato garantendo sempre più flessibilità. Il finanziamento flessibile si propone come un’opzione per rendere accessibile alle imprese di tutte le dimensioni la migliore tecnologia per rispondere a queste esigenze, spiega Carlo Sarboraria di Dell EMC Italia

30 Ago 2017

Carlo Sarboraria*

La flessibilità sta diventando sempre più il tratto distintivo del business moderno e quindi le aziende cercano di ottenerla anche attraverso l’IT. Per le aziende più mature questo si traduce spesso nell’adozione di nuove infrastrutture e applicazioni per trasformare l’organizzazione e stare al passo con le start-up digitali.

Tutto questo è positivo, ma queste aziende – puntando su investimenti in infrastrutture tradizionali – spesso continuano a rivolgersi alle banche, senza considerare altre opzioni. Eppure oggi il mercato offre diverse alternative alle banche. Grazie a pacchetti finanziari tecnologici flessibili e su misura, le aziende possono trovare soluzioni che portano una migliore efficienza economica e ottimizzano sia la produttività sia il ritorno degli investimenti.

I CIO potrebbero non concordare con la scelta del cambiamento rispetto alle banche, con le quali nel tempo si è instaurato un rapporto di fiducia. Ma il mondo si sta orientando sempre più verso soluzioni su misura: il passaggio da una gestione autonoma dei beni aziendali al noleggio di infrastrutture e piattaforme software sta diventando un’opzione più che ragionevole.

Il Finance and Leasing Association study del 2015 evidenza che nel Regno Unito sono stati assegnati beni in leasing (nel settore pubblico e privato) per 29 miliardi di sterline, cioè quasi il 32% degli investimenti globali del Paese.

Come possono i CIO spiegare queste opzioni ai Chief Financial Officer? I CFO tendenzialmente favoriscono le spese operative (Opex) alle spese per capitale (Capex). Per coprire gli stipendi del personale, i costi di affitto degli spazi e dei servizi di telecomunicazione, la maggior parte delle aziende ha optato per modelli Opex. I vantaggi non possono passare inosservati ai dipartimenti IT e ai CEO di tutto il mondo. Oggi i modelli finanziari per la tecnologia sono diventati i più efficaci per gestire gli investimenti in software e infrastrutture innovative.

I fatti: Capex vs Opex

Quando la tecnologia era agli inizi e le persone non potevano permettersi un computer, per non parlare di una rete completa, le aziende adottavano il modello Capex perché era l’unica opzione disponibile nel mercato tradizionale. Offriva un totale controllo dell’infrastruttura acquistata e di tutti i dati o le informazioni archiviate; inoltre permetteva alle imprese di ottenere ritorni superiori al costo iniziale del prodotto.

Ma la tecnologia si è evoluta, e l’ambiente è diventato infinitamente più complesso. Per molte aziende odierne l’opzione migliore è noleggiare hardware, cloud e infrastruttura, opzione che garantisce più flessibilità, con la possibilità di aumentare o ridurre le risorse quando necessario, garantendo la soddisfazione della domanda, e tagliare, ove possibile, i costi.

I contratti di servizi finanziari spesso includono come standard manutenzione, servizio e supporto, il che significa che i clienti sono tutelati per assistenza sui dati e applicazioni critici. Sono vantaggiosi per chiunque sia coinvolto nella decisione di investimento. Il CFO ottiene spese gestibili e prevedibili per un servizio di base, mentre il CIO ottiene la tecnologia di cui necessita. L’azienda nel suo complesso può quindi beneficiare di un’infrastruttura IT sempre aggiornata e in grado di gestire la domanda, anche in un ambiente di mercato dinamico.

Soluzioni hardware e software sempre aggiornate: sogno e realtà

Oggi la necessità di tecnologia è incontenibile. La rapida evoluzione di software e dispositivi produce un’abbondanza di nuovi prodotti. E le imprese cercano, se possono permettersi l’investimento, di utilizzare le soluzioni più innovative per accelerare il proprio percorso nel mercato e meglio soddisfare i propri consumatori.

Ma iI CIO non può permettersi un aggiornamento dell’hardware o del software ogni volta che viene rilasciata una nuova versione. Questo storicamente ha portato le aziende a lavorare quasi sempre con soluzioni datate. Ma con progressi così rapidi della tecnologia, non è più sostenibile gestire l’azienda con sistemi e software obsoleti. Occorrono investimenti sempre più costosi per tenere il passo con la concorrenza e mantenere una posizione di rilievo nel mercato.

Il modello di servizi finanziari permette di accedere immediatamente alle migliori soluzioni con un costo a breve termine inferiore. Le soluzioni sono sempre aggiornate ed è possibile passare alla nuova infrastruttura senza spese eccessive.

Pacchetti personalizzati alla portata di tutti

Per affermarsi sul mercato l’offerta di servizi finanziari a sostegno di investimenti in tecnologie deve garantire benefici per aziende di tutte le dimensioni ed esigenze, grazie a piani personalizzati che consentono di costruire, o semplicemente modernizzare, la propria infrastruttura IT.

All’epoca del Capex, le grandi aziende sono state avvantaggiate dalla loro disponibilità finanziaria, e hanno potuto investire in tecnologie costose. Con i servizi finanziari il campo da gioco diventa più equo e oggi anche le piccole imprese sono in grado di accedere a tecnologie allo stato dell’arte, inizialmente tramite i modelli finanziari flessibili e, con la crescita, lavorando sulla propria infrastruttura. Questo non esclude le grandi imprese, che possono attivare la capacità di fornitura quando necessario o addirittura implementare una scalabilità flessibile, a seconda che la richiesta aumenti o diminuisca.

Tirando le somme, il mercato di oggi è caratterizzato da rapidi cambiamenti, richieste di maggiore flessibilità e scalabilità, e budget ridotti. In questo quadro l’infrastruttura IT deve consentire di gestire la domanda e di crescere tenendo il passo con la concorrenza, e il finanziamento flessibile si propone come un’opzione per rendere accessibile la migliore tecnologia aziendale alle imprese di tutte le dimensioni.

* Regional Sales Director, Dell Financial Services, Dell EMC Italia

Articolo 1 di 5