Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Interviste

Wind, ancora più ampia l’offerta di servizi per le imprese

Dalla Sales Force Automation al Fleet Management, dalla Collaboration ai servizi Cloud: l’operatore guidato da Maximo Ibarra propone una gamma di soluzioni personalizzabili per digitalizzare e “mobilizzare” i processi. E per favorire lo Smart Working c’è la possibilità di separare sullo smartphone due ambienti per il lavoro e la vita privata, spiega il Direttore Business Marketing Sherif Rizkalla

15 Apr 2016

Redazione

Lo stesso ambiente di lavoro e gli stessi strumenti in ufficio, a casa o in viaggio. È quello che oggi si aspettano le persone ed è quello che Wind propone alle aziende, attraverso una vasta gamma di servizi e applicazioni che permettono di comporre la soluzione ideale per ciascuna esigenza. Con un denominatore comune: la massima attenzione nella progettazione della modalità di accesso, che è un aspetto fondamentale per poter usufruire di applicazioni Cloud e che è il punto di forza di un operatore di Tlc, come sottolinea Sherif Rizkalla, Direttore Business Marketing di Wind.

Il Business sta diventando sempre più Mobile: quali trend osservate in Italia, dal vostro punto di vista di operatore di Tlc? 

Già da tempo si sta diffondendo il lavoro in mobilità e le aziende stanno via via “mobilizzando” le risorse a disposizione dei collaboratori. Da un paio di anni, però, le esigenze sono aumentate e il trend ha avuto un’accelerazione. In parallelo, le aziende stanno digitalizzando i processi: oggi non basta più mettere a disposizione l’accesso solo alla posta elettronica, ma a tutti i sistemi. Le persone desiderano poter leggere e aggiornare i documenti ovunque si trovino, interagire con il CRM e utilizzare sistemi di Sales Force Automation, per fare qualche esempio. Insieme, i due trend portano un valore aggiunto doppio per le aziende. Da un lato, è possibile ottimizzare i costi, eliminando per esempio la carta, ottimizzando il flusso di info e riducendo le trasferte. Dall’altro, aumenta la produttività perché ciò che fino a poco tempo fa si realizzava in un mese ora richiede due o tre settimane di lavoro. Pensiamo a una trattativa di vendita: un commerciale può avere accesso al catalogo prodotti sul tablet o sul notebook, può disegnare l’offerta direttamente sul posto, negoziare il prezzo e anche stampare e firmare il contratto. È un’esperienza che abbiamo fatto al nostro interno, riducendo della metà la durata media della trattativa.

Quali sono gli ostacoli principali che le imprese incontrano nel portare avanti questi progetti di innovazione?

Gli ostacoli possono essere diversi e specifici per ciascun contesto, ma quello che riscontriamo come criticità è il tema della connettività necessaria per accedere alle risorse che risiedono su una piattaforma Cloud. È, infatti, necessario offrire agli utenti la stessa user experience indipendentemente dal tipo di connessione, fissa o mobile. E se la soluzione non è progettata in modo ottimizzato questo non è possibile. L’offerta Wind Business nasce convergente, con l’obiettivo di fornire un ambiente di lavoro che sia lo stesso in ufficio, a casa o in viaggio. La progettazione della modalità di accesso è un aspetto fondamentale, indipendentemente dal fatto che avvenga dal mobile o attraverso la fibra, dall’Adsl di casa, magari con una VPN, o attraverso un Wi-Fi pubblico. Sempre garantendo la sicurezza.

Le richieste di innovazione arrivano sempre più dai manager delle Line Of Business: è un trend che riscontrate anche in questo ambito?

Sì, perché anche il rapporto fra aziende e operatore telefonico ora si sta evolvendo verso nuove forme di collaborazione. Se in passato i nostri interlocutori erano il Telco manager, l’IT manager o il responsabile acquisti, ora parliamo sempre più spesso con il Marketing, le vendite o le Operations. I manager delle LOB sono sempre più interessati ai nuovi strumenti digitali e le Telco non sono più viste solo come un interlocutore in grado di ottimizzare la spesa e ridurre i costi, ma come un partner per aprire nuovi mercati e ottimizzare i processi.

E in che modo rispondete all’esigenza di portare in mobilità i processi? Avete stretto delle partnership per completare l’offerta? 

Abbiamo sviluppato un’offerta business completa che include servizi e soluzioni verticali, in Cloud, che risiedono nei nostri data center dedicati. Sono pensati sia per le grandi aziende, per le quali progettiamo in modo sartoriale soluzioni secondo le specifiche esigenze, sia per le PMI, che chiedono soprattutto semplicità e velocità dell’uso e alle quali proponiamo un portafoglio di soluzioni standard. Un esempio è la Work Force Mobility per le aziende che vogliono migliorare il processo di manutenzione e dotare il personale di tablet “rugged” personalizzati. Altri esempi sono la Sales Force Automation o il Fleet Management, con soluzioni per le flotte in grado di tenere traccia dei consumi, dell’aderenza ai percorsi prestabiliti, dei tempi, eccetera. Arricchiamo l’offerta anche attraverso partnership: l’operatore di Tlc non può fare tutto da solo, ma può dare un forte valore aggiunto nel velocizzare l’accesso. Abbiamo accordi con Microsoft, per la Sales Force Automation e per Office 365, con una soluzione che permette la virtualizzazione dell’ufficio sul cellulare, con servizi storage, condivisione documenti ecc. Abbiamo accordi anche con Google, per le Business Apps, e con Viasat per il Fleet Management. Utilizziamo, inoltre, soluzioni leader di mercato come VMware per il Cloud e Arbor Networks per la security.

Le soluzioni di collaboration consumer e free sono sempre più utilizzate: qual è il vostro punto di vista?

La differenza fra le soluzioni che utilizzano le persone per comunicare come consumatori e quelle per l’ambito professionale risiede nel livello di servizio. E, infatti, la maggior parte dei fornitori offre due versioni diverse dei propri servizi. Le aziende necessitano di soluzioni smart che garantiscano affidabilità e fruibilità delle componenti. Wind fornisce soluzioni di collaboration complete, ma anche le sole funzionalità di video da device mobile e con qualunque tipo di connessione, fissa o mobile. E’ garantita una piattaforma sicura, che poggia sui data center Wind, a Roma e Milano, dedicati esclusivamente ai clienti aziendali e progettati per garantire continuità di servizio, in ottica di disaster recovery.

Da poco avete lanciato il nuovo servizio Work&Life: da quali presupposti nasce? Quali sono le caratteristiche principali?

L’offerta Work&Life nasce proprio per dare una risposta ai due trend di cui abbiamo parlato all’inizio: la mobilizzazione e la digitalizzazione dei processi. È una soluzione in grado di soddisfare diverse esigenze in ambito business, come ad esempio lo smart working, e prevede sullo smartphone due ambienti separati, uno per l’aspetto lavorativo e l’altro per quello personale, come l’utilizzo dei social network e la gestione delle foto. Nell’ambito professionale è presente una cartella sicura che contiene, ad esempio, la posta, la rubrica, l’applicazione di videoconferenza, uno storage condiviso e gli strumenti di comunicazione con i membri del team. Il traffico è gestito separatamente ed è protetto con una VPN. La rendicontazione e la relativa fatturazione sono a parte.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5