Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Sponsored Story

Volkswagen: veicoli connessi al Cloud grazie alla partneship con Microsoft

Obiettivo dell’intesa appena siglata è dare una svolta decisiva al progetto “Volkswagen Automotive Cloud”, in particolare in Cina che per il marchio tedesco è il mercato principale con il 40% delle vendite e degli utili. Le strategie della casa automobilistica per conquistare una quota in uno dei mercati più interessanti del mondo

28 Feb 2019

Redazione

Novità importanti in arrivo in casa Volkswagen. La casa automobilistica tedesca, forte di una quotazione di borsa in rialzo, sta lavorando attivamente alle auto del futuro: veicoli connessi alla rete cloud che potranno usufruire di tutta una serie di servizi innovativi, grazie alla partnership siglata con Microsoft, che in questo particolare momento della storia della nota casa automobilistica potrebbe essere decisiva nel garantirle un importante vantaggio competitivo, in un settore caratterizzato da una forte crescita e da un elevato grado di innovazione.

Obiettivo dell’intesa è dare una svolta decisiva al progetto “Volkswagen Automotive Cloud”, portando più capacità di connessione in Cina, che per il marchio tedesco è il mercato principale dove si concentra il 40% delle vendite e degli utili, e negli Stati Uniti. Facendo ricorso alla connessione cloud tramite Azure di Microsoft, che permette di erogare servizi e avere a disposizione potenza di calcolo remota, l’azienda automobilistica punta a offrire servizi di streaming personalizzati ai suoi clienti, e dare suggerimenti sul parcheggio o dove ricaricare le auto elettriche. Volkswagen ha dichiarato che userà il suo nuovo Automotive Cloud come nucleo centrale delle sue operazioni relative ai dati dei veicoli e dei servizi per le sue nuove auto elettriche, che saranno prodotte nel 2020.

Cina: con Jetta Volkswagen punta a conquistare il paese del Dragone

C’è stato, ad esempio, l’annuncio del nuovo brand con cui la casa tedesca commercializzerà i propri veicoli in Cina: si chiamerà Jetta e sarà il marchio con cui usciranno i nuovi modelli della FAW-Volkswagen di Chengdu, capoluogo della provincia sud-occidentale di Sichuan, che secondo alcune indiscrezioni, saranno commercializzati prima della fine dell’anno.

Volkswagen, quindi, sta premendo sull’acceleratore per conquistare una quota in uno dei mercati più interessanti del mondo: nonostante il 2018 si sia chiuso in calo, nel paese del Dragone sono stati comunque venduti oltre 22 milioni di veicoli nuovi. Un numero davvero impressionante che rende bene l’idea di quanto appetibile sia questo mercato per i produttori: l’obiettivo dell’azienda tedesca è quello di aumentare in modo sensibile la propria quota di mercato in Cina grazie a un’offerta “più commerciale” destinata a soddisfare l’esigenza della mobilità di massa.

Infine, sono stati messi in campo importanti investimenti per entrare, di prepotenza, nel settore delle auto elettriche: la Volkswagen ha messo in gioco ben 80 miliardi di euro per produrne circa 15 milioni. L’obiettivo è quello di diventare leader del settore più in crescita del momento, raggiungendo e superando le vedite della Tesla di Elon Musk.

Volkswagen: quotazione delle azioni in crescita

In virtù di tutte queste novità, la quotazione delle azioni Volkswagen è tornata sui massimi dall’inizio dell’anno, a quota 150 euro per azione. Ma quello che fa più ben sperare gli analisti sono le prospettive di crescita dell’azienda, che sembra aver messo definitivamente da parte le difficoltà legate al cosiddetto “dieselgate”. Il famoso scandalo che aveva colpito diversi marchi europei, infatti, rischiava di compromettere il futuro dell’azienda tedesca che potrebbe dover far fronte a un maxi risarcimento stimato tra i 10 e i 15 miliardi di dollari.

Staremo a vedere, quindi, in che modo queste novità influiranno sul titolo azionario: secondo gli analisti un ritorno sopra quota 160 euro potrebbe dare la spinta necessaria a raggiungere i massimi del 2018, ossia una quotazione intorno ai 170 euro per azione. Quello che appare certo è che c’è un gran lavoro di sviluppo da parte del management per cercare di essere pronti ai nuovi cambiamenti che stanno per colpire il settore dell’auto. Cambiamenti in cui la tecnologia (vedi auto a guida autonoma, auto elettriche, ecc.) giocherà un ruolo davvero determinante e cambierà per sempre il concetto di mobilità a cui eravamo abituati fino ad oggi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4