Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

Software, la Supply Chain non conosce crisi

Fra tante previsioni con il segno “meno” davanti, finalmente qualche segnale positivo c’è.   Il mercato del software SCM (Supply Chain…

09 Dic 2011

Fra tante previsioni con il segno “meno” davanti, finalmente qualche segnale positivo c’è.

Il mercato del software SCM (Supply Chain Management) chiuderà il 2011 in crescita del 13,7% a livello mondiale e proseguirà in questo trend anche nel 2012 superando gli 8,5 miliardi di dollari.

E’ quanto sostiene Gartner, che evidenzia come la crescita sarà trainata da un incremento dei budget e dalla volontà di sperimentare soluzioni in modalità as Service o tramite abbonamento.

Gli analisti si aspettano un crescente interesse nelle soluzioni di pianificazioni delle vendite e delle operations, nelle tecnologie di procurement e di movimentazione. Tanto che Gartner si spinge a ipotizzare una crescita annuale composta del 10% nel periodo 2010-2015. Una crescita significativa dopo la mezza battuta d’arresto del 2009.

Gartner ha poi voluto sondare l’umore delle organizzazioni (statunitensi) per capire le principali priorità e le sfide che attendono le aziende impegnate nel settore SCM. Ecco i risultati più significativi:

  • Le aziende si attendono un aumento dei budget dedicati ai software SCM.

  • L’SCM in modalità SaaS catturerà l’interesse degli utenti finali che vedono l’as a Service come meno costoso e con un deployment più veloce.

  • Nonostante le applicazioni SCP (Supply Chain Planning) siano in uso ormai da diversi anni, le aziende lamentano ancora problemi sull’affidabilità e accuratezza delle previsioni. C’è chi ritiene che queste soluzioni non siano così sofisticate da fornire dati attendibili e chi dice che essendo così sofisticate non vengono usate al massimo delle loro potenzialità. Certo è che si assiste a una certa distanza fra quanto promettono i fornitori e quanto dicono gli utenti.

  • E’ vero che l’ottimizzazione dei costi è ancora una voce importante per l’uso di sistemi SCM, ma rispetto a qualche anno fa crescono altre motivazioni come l’aumento di produttività, un migliore servizio ai clienti e l’incremento di profittabilità. In altre parole, bisogna guardare oltre alla pura riduzione dei costi.

I driver di utilizzo di soluzioni SCM (fonte: Gartner)

Articolo 1 di 5