Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Regione Toscana

Regione Toscana

Regione Toscana: si diffonde rapidamente la soluzione per lo scambio in via telematica dei principali documenti del ciclo dell’ordine per gli Enti della Sanità

01 Mag 2010
Regione Toscana ha realizzato per gli Enti della Sanità. La
gestione degli acquisti delle strutture sanitarie toscane è
intermediata da alcuni Enti, denominati ESTAV (Ente per i Servizi
Tecnico-Amministrativi di Area Vasta), che centralizzano numerosi
processi amministrativi degli Enti della Sanità. Tramite la
soluzione sviluppata da Regione Toscana è possibile lo
scambio in formato strutturato di ordini, conferme
d’ordine, DDT e fatture tra le Aziende Sanitarie, gli ESTAV
e i fornitori di farmaci
(appartenenti al Consorzio
DAFNE, che ha collaborato al progetto).

La Regione sta lavorando con il sistema bancario per la
condivisione del modello e la sua estensione all’emissione
di mandati di pagamento elettronici. L’infrastruttura
attraverso la quale sono inviate le informazioni è la Rete
Telematica Regionale Toscana, un “sistema pubblico di
connettività” gestito dalla Regione (che ne governa gli
accessi) in grado di garantire autonomamente, grazie alla propria
architettura, la sicurezza e l’integrità dei dati che vi
transitano, consentendo dunque anche lo scambio, non ancora
attuato, di fatture elettroniche a norma. Il progetto di Regione
Toscana è operativo e si sta diffondendo rapidamente
(quotidianamente vengono scambiati elettronicamente circa
100 ordini e oltre il 50% dei fornitori della Sanità è
coinvolto
), grazie anche all’utilizzo di leve
forti quali un’apposita Legge Regionale con indicazioni
normative specifiche, il rinvio all’utilizzazione del
sistema nei capitolati di gara, l’estensione del modello
anche ai fornitori di altre categorie merceologiche e agli altri
Enti Regionali.

Articolo 1 di 5