Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Case study

RCS, migrazione verso il Cloud

Grazie ad Accenture, Avanade e Microsoft, il gruppo sposterà sulla Nuvola tutte le principali piattaforme IT entro tre anni grazie a un progetto di implementazione congiunto sviluppato attraverso le competenze e le tecnologie dei tre partner. L’obiettivo è automatizzare e accelerare la distribuzione di contenuti digitali

18 Apr 2016

redazione

RCS MediaGroup punta sul Public Cloud per crescere sui fronti della valorizzazione dei contenuti, dello sfruttamento dei dati e, attraverso queste direttrici, della capacità di fidelizzare le audience. A realizzare l’infrastruttura che incuberà la digital trasformation del gruppo editoriale ci penseranno Accenture, Avanade e Microsoft con un progetto congiunto. La soluzione consentirà a RCS di ottimizzare la gestione delle applicazioni in termini di semplicità, flessibilità e costi, con la possibilità di automatizzare e quindi accelerare la distribuzione di contenuti digitali e servizi innovativi per i lettori, assecondando le loro preferenze e ampliando l’offerta editoriale.

“L’adozione del ‘paradigma Cloud’ in tutte le sue declinazioni diventa una leva determinante per perseguire i nostri obiettivi di crescita, in particolare nell’area digitale”, spiega Umberto Tonelli, CIO di RCS MediaGroup. “Per quanto riguarda l’infrastruttura tecnologica, puntiamo alla migrazione al Public Cloud di tutte le principali piattaforme del gruppo entro tre anni, con l’obiettivo di ottenere maggiore flessibilità e scalabilità e un Total Cost of Ownership inferiore rispetto all’attuale gestione on premise”.

All’interno del progetto di implementazione, Accenture si occuperà della governance del programma di migrazione e della gestione della piattaforma Cloud realizzata su Accenture Cloud Platform, oltre a offrire a RCS la propria esperienza nella migrazione dell’infrastruttura e delle applicazioni. Avanade fornirà gli orientamenti tecnici e le competenze in ambiente Microsoft, mentre l’azienda di Redmond fornirà come detto la tecnologia Cloud Azure.

“Un programma pienamente in linea con la nostra strategia Cloud first”, commenta Massimo Morielli, Accenture Digital Lead, Italia, Europa Centrale e Grecia. “Sempre di più l’editoria digitale e il mondo media ed entertainment in generale stanno adottando il Cloud computing, con particolare attenzione all’ottenimento di risultati quali l’abbattimento dei costi e una fruizione più agile dei contenuti. Per RCS si tratta di un passo molto importante, che però può affrontare contando sull’estrema versatilità della piattaforma di Accenture, Avanade e Microsoft”.

Secondo Danilo Boretto, Italy and Europe Business Lead for Communication, Media and Technology di Avanade, “questa partnership strategica porterà a RCS un reale vantaggio competitivo, grazie alla flessibilità e alla sicurezza offerta dal Cloud ibrido. Siamo entusiasti di questa nuova e ambiziosa collaborazione, inserita nell’ambito di una strategia Cloud così integrata”, dichiara Boretto.

Il respiro dell’operazione (che tra l’altro ha portato WordPress su Azure) rispetto ai temi della flessibilità, dell’interoperabilità e della sicurezza è stato sottolineato anche da Tiziana Olivieri, direttore della divisione Enterprise e Partner di Microsoft Italia: “Siamo fiduciosi che questo progetto avrà per RCS un grosso impatto in termini di innovazione e che offrirà al gruppo un importante vantaggio competitivo nel mercato dell’informazione e dell’intrattenimento”.

Articolo 1 di 4