Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Piccole e medie imprese

PMI in frenata nel 2019. Rapporto Cerved “La ripresa si è fermata, ma le aziende italiane restano solide”

Molte ombre e qualche luce sul sistema delle PMI italiane: fatturati nominali in aumento, ma nella sostanza fermi al 2017, valore aggiunto in crescita, ma meno del costo del lavoro, con effetti negativi su produttività e margini. Il digitale resta una grande opportunità: il piano Industria 4.0 ha spinto gli investimenti, mentre i sistemi per smobilizzare le fatture possono potenzialmente sbloccare 40 miliardi. In arrivo il nuovo Codice della crisi, un obbligo che costerà 20-40 mila euro

11 Nov 2019

Redazione

L’economia italiana è debole e le PMI italiane nel 2019 accusano il colpo, con fatturati e margini in frenata. Tuttavia sono finanziariamente sempre più solide e continuano a investire, soprattutto nel manifatturiero, grazie al piano Industria 4.0. I dati della sesta edizione del Rapporto Cerved fotografano un quadro che nel 2018 e nella prima parte del 2019 vede in stallo fatturato e profitti, senza però incidere negativamente sui profili di rischio delle aziende, che sono anzi ulteriormente migliorati rispetto all’anno precedente: sono 100.000 le PMI classificate come ‘sicure’ o ‘solvibili’. In sintesi, afferma il rapporto, nel 2018 la ripresa delle PMI, che durava dal 2013, ha perso slancio e ha continuato a perderlo anche nella prima parte del 2019.

E in futuro non andrà meglio. Gli indici di redditività subiranno un’ulteriore flessione: nel 2021, al termine del periodo di previsione, il ROE si attesterà al 10,4% (dall’11% del 2018).

Come non bastasse, nei primi sei mesi del 2019 sono tornati ad aumentare i ritardi e i tempi di pagamento delle PMI, dopo una lunga fase di miglioramento. Tuttavia, la percentuale di aziende che saldano con ritardi superiori a due mesi rimane bassa e lontana dai massimi osservati durante la recessione.

Nel dettaglio, i dati del 2018 mostrano fatturato in aumento in termini nominali (+4,1%, l‘anno prima era 4,4) ma nella sostanza fermo ai livelli del 2017, valore aggiunto in crescita (+4,1%) ma a ritmi più ridotti del costo del lavoro (+5,6%), con effetti negativi sulla produttività e sui margini.

Il Rapporto si sofferma in particolare su una novità, il Codice della crisi, che punta a far emergere anticipatamente le crisi aziendali, un documento a cui Cerved ha contribuito in qualità di partner scientifico del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.

Le procedure di allerta previste dal nuovo Codice hanno lo scopo di aiutare il risanamento delle società per cui la difficoltà è temporanea e rendere più rapida e meno costosa l’uscita dal mercato per quelle in cui è invece irreversibile. Le PMI dovranno dotarsi di sistemi di autovalutazione per monitorare il proprio rischio di default, con costi stimati fra 20 e 40 mila euro all’anno. Investimenti non trascurabili perché occorrono sistemi di risk management, formazione e organi di controllo. I benefici per il sistema potrebbero comunque superare i costi e raggiungere i 10 miliardi di euro (contro 6 miliardi di spesa) se le PMI coglieranno quest’opportunità per migliorare la loro gestione economico-finanziaria.

Dal digitale una spinta alla crescita per le PMI

Le note positive hanno come comune denominatore l’innovazione digitale. Le PMI hanno aumentato gli investimenti, in crescita nel 2018 e pari al 7,1% delle immobilizzazioni materiali. Una dinamica che risulta particolarmente sostenuta nel settore manifatturiero, grazie agli incentivi del piano Industria 4.0. Nonostante questi miglioramenti, i livelli di investimento delle PMI rimangono largamente inferiori a quelli pre-crisi: le PMI più solide non hanno difficoltà a reperire capitali, ma spesso preferiscono ricorrere a risorse generate internamente o a capitale proprio.

Dall’adeguato utilizzo delle nuove tecnologie potrebbero arrivare risorse aggiuntive da dedicare agli investimenti, in particolare per portare credito nella filiera e liberare liquidità: In Italia esiste un potenziale di smobilizzo delle fatture che Cerved valuta in 40 miliardi di euro. La società, ad esempio, ha appena lanciato Money&Go, una piattaforma Fintech totalmente digitale su cui le piccole imprese potranno vendere le fatture attraverso una valutazione automatica del rischio del cedente e del ceduto. Uno strumento utile anche per banche e società di factoring.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
Cerved

Approfondimenti

P
PMI
S
Supply Chain Finance
PMI in frenata nel 2019. Rapporto Cerved “La ripresa si è fermata, ma le aziende italiane restano solide”

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3