Aziende

Opera si mette in vendita

La società, nota soprattutto per il suo storico browser, paga i risultati finanziari al di sotto delle aspettative

17 Ago 2015

GT

Il mercato dei browser potrebbe perdere un protagonista, anche se probabilmente la notizia non è delle più inattese. È infatti notizia ufficiale freschissima che l’azienda norvegese Opera Software, produttrice dell’omonimo browser, si è messa ufficialmente sul mercato. La decisione è stata presa dopo i risultati fiscali dell’ultimo trimestre, ancora una volta sotto le aspettative. E anche per l’intero 2015 le previsioni della stessa società non sono delle migliori: l’attesa è quella di un fatturato compreso tra i 600 e 618 milioni di dollari, ossia il 5% in meno rispetto al 2014. In realtà i due terzi del fatturato del gruppo non arriva tanto dal browser, ormai con venti anni di storia, ma dal mobile advertising. Ed è proprio il declino delle entrate da questo fronte a fare soffrire non poco la compagnia norvegese.

In effetti, è ormai da alcuni anni (perlomeno dal momento dell’ascesa di Chrome) che il ruolo di Opera nel mondo dei browser è piuttosto marginale: gli ultimi dati (luglio 2015) assegnano alla società norvegese una share dell’1,3%, dunque estremamente lontano dai big del settore. Un po’ meglio vanno le cose nel versante mobile, dove la percentuale dei browser Opera è attorno al 6%. Chi potrebbe essere interessato all’acquisizione? Sul web si fa il nome di Yahoo!, da tempo impegnata in un complicato rilancio, che passa soprattutto dal mobile advertising. Il passaggio delle quote di Opera Software dovrebbe concludersi già entro il 2015.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
browser
G
Google
O
Opera
Opera si mette in vendita

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link