Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Obiettivo saving “vero”- Suggerimenti per evitare la dispersione degli sforzi negoziali

La riduzione dei costi continua ad essere una priorità per le aziende. La tecnologia può aiutare a gestire i processi di procurement secondo modalità che riducono i rischi di “scollamento” tra risparmio atteso e risparmio a consuntivo. Un approfondimento di Matteo Marino, Account Director di BravoSolution

15 Mag 2014

Una recente indagine condotta dall’ ISM (Institute for Supply Management) su diverse migliaia di CPO di aziende internazionali evidenzia come priorità – per oltre il 60% del campione – l’incremento del saving. Le aziende sono dunque focalizzate sulla riduzione dei costi ma, talvolta, le azioni intraprese per generare saving non si traducono in impatto “vero” sul risultato economico.

Per evitare questo rischio è opportuno, innanzitutto, definire chiaramente e condividere a livello aziendale le basi di riferimento per il calcolo del saving. Si parte dai prezzi storici o dalle offerte raccolte a valle di una RDO? Da indici di riferimento, da stime basate sull’esperienza o da listini? La chiarezza è essenziale…

Inoltre conviene porre l’attenzione su alcune “aree di rischio” per la dispersione del saving, verificando ad esempio:

  • che il saving sia misurato tramite indicatori oggettivi e validato secondo procedure condivise
  • che le metodologie di consuntivazione siano condivise con la Direzione Finance
  • che i clienti interni siano informati e soddisfatti dei contratti negoziati dalla funzione acquisti, utilizzandoli sistematicamente
  • che le performance dei fornitori riflettano quanto concordato contrattualmente
  • lo scenario di business durante il contratto sia immutato rispetto a quanto ipotizzato in fase negoziale

Come accertarsi che sussistano queste condizioni?

Tracciabilità dei processi, verifica della compliance, valutazione dei fornitori, saving tracking sono alcuni dei capisaldi a cui fare riferimento, e la tecnologia offre gli strumenti per metterli in pratica con successo, a supporto dei processi di procurement.

Per richiedere gratuitamente documentazione di approfondimento cliccare qui >>

Obiettivo saving “vero”- Suggerimenti per evitare la dispersione degli sforzi negoziali

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 4