Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

REPORT

Nutanix vuole un cloud privato più agile

La «enterprise cloud platform» si propone di portare anche dentro il data center i paradigmi di gestibilità e costi sperimentabili su cloud pubblici come AWS

09 Nov 2016

Giorgio Fusari

Spendere il 70-80% del budget IT solo per mantenere operativi server, storage, networking, applicazioni di security – e quant’altro sta dentro il corporate data center – non porta valore ad aziende che dovrebbero invece preoccuparsi soprattutto di creare migliori prodotti e servizi per gli utenti: lo ricorda Howard Ting, chief marketing officer della società californiana Nutanix, presentando a Milano la visione e le ultime novità dell’azienda che, a qualche anno dalla fondazione, nel 2009, ora considera il mercato italiano, e più in generale europeo, un elemento chiave del proprio trend di crescita.

Per abbattere i costi di gestione del data center, Nutanix punta a eliminare la complessità di amministrazione dei singoli box fisici e degli apparati hardware special purpose, rendendo tali infrastrutture così facili da controllare da diventare in sostanza «invisibili», dice Ting, un po’ come quelle delle utility che erogano energia elettrica o acqua: «Semplicemente, usiamo questi servizi, non ci preoccupiamo di come l’energia elettrica viene generata, o di chi la fornisce».
Nel data center sta avvenendo la stessa cosa: virtualizzazione, cloud e approcci ’software-defined’ permettono di trasformare l’hardware dedicato (server, storage, networking) in risorse virtuali convergenti e gestibili in maniera flessibile attraverso un’unica piattaforma tecnologica.

Nel caso di Nutanix, la soluzione di infrastruttura iperconvergente si chiama «Enterprise Cloud Platform» e mira a semplificare la gestione del cloud privato aziendale, rendendolo facile da implementare e utilizzare, così come avviene per il cloud pubblico, ad esempio con i servizi di Amazon (AWS), ma con la promessa di mettere un maggior controllo nelle mani di chi in azienda gestisce lo spostamento di applicazioni e risorse nel cloud ibrido.

La enterprise cloud platform supporta i container, fornisce servizi di automazione e integrazione in ambiente cloud privato, pubblico e ibrido, e il suo cuore è racchiuso in due componenti software: uno è Acropolis, una piattaforma infrastrutturale in grado di fornire servizi di elaborazione, storage e virtualizzazione di classe enteprise alle organizzazioni di qualunque dimensione, eliminando, sottolinea Nutanix, complessità e costi di gestione degli apparati proprietari implementati singolarmente e amministrati in modo separato.
Acropolis supporta VMware vSphere e Microsoft Hyper-V, e integra la soluzione di virtualizzazione AHV, basata sulla comprovata tecnologia open source KVM.
La funzionalità AMF (Acropolis App Mobility Fabric) abilita poi un’agevole migrazione dei workload tra hypervisor e diversi ambienti runtime.

L’altro componente software è Prism, un’interfaccia volta a semplificare il lavoro degli amministratori che devono gestire gli ambienti virtuali che girano su Acropolis. Tra i comuni workflow che Prism è in grado di razionalizzare nella gestione degli hypervisior e delle virtual machine vi sono, ad esempio, la creazione e migrazione delle macchine virtuali, la configurazione delle reti virtuali e l’aggiornamento degli hypervisor.

In particolare al mercato italiano, Nutanix propone Xpress, una soluzione «all-in-one» enterprise-grade, ma adatta anche al mondo SMB.
Xpress integra server, storage, networking e virtualizzazione in una sola appliance, installabile con facilità e rapidità nella propria organizzazione, e può gestire da 5 a 500 macchine virtuali, mantenendo elevate performance e affidabilità.
Xpress, ha precisato Alberto Filisetti, country manager Italy di Nutanix, va così a rispondere alle esigenze del tessuto economico nostrano, formato da tante piccole e medie imprese, che spesso dispongono di budget IT limitati da destinare alle soluzioni di nuova generazione, e non hanno un data center dedicato, con uno staff IT vero e proprio.
In Italia, la commercializzazione delle soluzioni Nutanix passa interamente attraverso i canali di vendita indiretti, costituiti dai rivenditori autorizzati e dai distributori Systematika e BigTec. L’altro canale è rappresentato dai partner OEM, tra cui al momento figurano Dell e Lenovo.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cloud
F
filisetti
I
imprese
N
Nutanix
T
ting

Articolo 1 di 5