Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Mobilificio San Giacomo

Mobilificio San Giacomo

Mobilificio San Giacomo: la virtualizzazione dei server aumenta la flessibilità e supporta l’innovazione dei processi di business

01 Feb 2010
Il Mobilificio San Giacomo, in provincia di Pordenone, impiega
circa 170 dipendenti, per un fatturato intorno ai 20 milioni di
euro. Il ciclo produttivo aziendale inizia dalla lavorazione
delle materie prime e viene completato interamente
all’interno. La gamma prodotti consiste in molteplici
sistemi di arredamento, abbinati a complementi, che si colloca
nel segmento medio-alto del mercato. L’organizzazione
vendite è basata su una rete di agenti plurimandatari e la
distribuzione avviene attraverso rivenditori, sul territorio
nazionale ed estero.

Con lo scopo di aumentare la flessibilità della propria
infrastruttura hardware in relazione alla continuità operativa e
all’introduzione di nuove applicazioni a supporto del
business, il Mobilificio ha intrapreso un progetto di
virtualizzazione dei propri server in
collaborazione con Delta System, business partner IBM. In
precedenza il Mobilificio utilizzava diversi server, ciascuno
dedicato a singole applicazioni. Con il passare degli anni,
l’architettura hardware così progettata ha presentato
alcune criticità, legate all’età dei server e alla scarsa
scalabilità della soluzione. Infatti, in caso di guasto, era
necessario un intervento tempestivo da parte della Funzione IT
per ripristinare i sistemi informativi, riducendo al minimo il
tempo di indisponibilità dei servizi informatici. Ogni guasto
comportava importanti disagi per i dipendenti, poiché
l’architettura di distribuzione delle applicazioni per i
terminali desktop e portatili dell’azienda si basa
sull’erogazione del software in modalità client- server
on-demand (ciascun addetto, attraverso username e password
personali, accede dal proprio computer alle applicazioni
installate sui server del Mobilificio). Infine, la precedente
architettura IT non favoriva l’introduzione di nuove
applicazioni a supporto del business, poiché era necessario
acquistare nuovi server dedicati, con un significativo esborso
economico.

La nuova architettura basata su un BladeCenter IBM ha permesso di
razionalizzare il parco hardware, passando da cinque a due soli
server. Ora, è sufficiente attivare un server virtuale
addizionale per installare una nuova applicazione
. Il
Mobilificio San Giacomo ha intenzione di dotarsi di una Intranet
per migliorare la collaborazione tra i dipendenti e di
un’applicazione di Sales Force Automation a supporto della
propria forza commerciale. L’espansione del parco
applicativo può ora avvenire in modo più semplice, poiché il
sistema supporta la creazione di server virtuali attraverso i
quali testare le nuove applicazioni, senza la necessità di
acquistare nuovo hardware. Inoltre, il consolidamento del parco
server, ha permesso lo sviluppo di procedure standard di
Business Continuity
, contribuendo a diminuire il tempo
di indisponibilità del sistema e aumentando conseguentemente sia
il livello di servizio fornito agli utenti sia
la il livello di efficenza. Infine, con lo stesso numero di
server virtuali, la maggiore potenza di calcolo a disposizione
del CED ha permesso di velocizzare l’esecuzione
delle applicazioni
utilizzate dai dipendenti (in
particolare i complessi software di elaborazione grafica)
contribuendo anche in questo caso a migliorarne la produttività.

Articolo 1 di 5