Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

Le ICT come driver di innovazione secondo i Responsabili Operations, Logistica e Supply Chain. Le evidenze dell’Osservatorio Smau-School of Management del Politecnico di Milano

Le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT) giocano un ruolo sempre più rilevante nei processi di innovazione: è quanto dichiarano…

01 Ott 2009
Le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT)
giocano un ruolo sempre più rilevante nei processi di
innovazione: è quanto dichiarano l’80% dei Responsabili
Operations, Logistica e Supply Chain intervistati
dall’Osservatorio Smau-School of Management del Politecnico
di Milano (www.osservatori.net). La ricerca, i cui risultati sono
stati presentati in occasione del convegno “Supply Chain
Management: esperienze di innovazione ICT-driven” tenutosi
a Milano lo scorso 23 ottobre, ha coinvolto un gruppo selezionato
(Advisory Board) di circa 50 Responsabili Operations, Logistica e
Supply Chain operanti in grandi imprese italiane con il duplice
obiettivo di comprendere il ruolo – attuale e prospettico
– delle ICT all’interno della propria funzione e
individuare i progetti ICT prioritari per il prossimo anno.

La ricerca ha evidenziato un aumento medio complessivo della
spesa ICT del 13,5% rispetto al 2008 che, seppur inferiore alle
attese a causa della crisi, è comunque da considerarsi positivo.
La maggior parte dei Responsabili Operations, Logistica e Supply
Chain intervistati (83%) ritiene inoltre che nel 2010
l’entità degli investimenti rimarrà almeno costante (55%)
o crescerà, in maniera lieve (24%) o addirittura rilevante (4%).
Solo un intervistato su 5, invece, si aspetta che gli
investimenti in progetti ICT a supporto della propria funzione
possano diminuire, lievemente (15%) o in modo rilevante (2%). Il
quadro applicativo vede una buona diffusione dei sistemi
gestionali, in particolare a supporto della gestione dei
magazzini (86 %), della pianificazione della produzione e degli
approvvigionamenti (85%) e della gestione delle scorte (75%).
Più rare invece le applicazioni di sistemi “evoluti”
a supporto della progettazione e pianificazione lungo la supply
chain (45%), anche se ci si attende una loro progressiva adozione
in un contesto competitivo che vede una crescente globalizzazione
e virtualizzazione delle supply chain. In ambito
Mobile&Wireless si stanno diffondendo sempre di più
soluzioni Wi-Fi a supporto delle attività di magazzino (60%),
mentre ancora numerosi Responsabili Operations, Logistica e
Supply Chain sono scettici relativamente ai benefici legati a
soluzioni di Field Force Automation a supporto della forza
vendita (36%), per il controllo delle attività di trasporto
(22%) e basate su tecnologie RFId (Radio Frequency
Identification) a supporto della tracciabilità nella supply
chain (19%) e dell’anticontraffazione (12%). Numerose
aziende hanno inoltre intrapreso iniziative a supporto della
gestione integrata del ciclo ordine-consegna-fatturazione (71%) e
della collaborazione cliente-fornitore (51%) (B2b Integration
& Collaboration), anche se spesso coinvolgendo un numero
molto esiguo di attori. Buona diffusione, infine, hanno le
soluzioni a supporto della progettazione e sviluppo nuovi
prodotti: quasi la totalità delle aziende che svolgono
internamente tale attività dispongono di sistemi CAD 2D o 3D e
un numero crescente si sta dotando di soluzioni PDM (Product Data
Management) per la gestione e condivisione delle informazioni.

Articolo 1 di 5