Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Focus

La telemedicina pronta al decollo. Una ricerca InMedica prevede che le barriere all’adozione verranno abbattute nei prossimi due anni

A livello mondiale, il ricorso alla telemedicina è previsto in forte incremento. Si stima che nell’arco di due anni si assisterà a una diffusione su…

01 Feb 2010
A livello mondiale, il ricorso alla telemedicina è previsto in
forte incremento. Si stima che nell’arco di due
anni si assisterà a una diffusione su larga scala
: nel
2012 il numero di punti di accesso (gateway) che supportano
l’insieme di queste tecniche supererà il milione, per poi
raggiungere i 3,6 milioni nel 2018. È quanto
emerge da un rapporto pubblicato di recente da InMedica, azienda
inglese che effettua approfondite ricerche sul mercato delle
tecnologie mediche.

La crescita dell’adozione di queste tecnologie – che
permettono il monitoraggio remoto delle malattie e
l’assistenza a distanza dei pazienti, soprattutto nel caso
di malattie croniche
– è sostenuta da un lato dagli
organi di governo e dall’altro dalle aziende sanitarie
private, con iniziative che puntano ad agevolare la
possibilità di ottenere i rimborsi e a risolvere le questioni
che riguardano gli aspetti legali e di privacy
. Primo
passo verso una più capillare diffusione della telemedicina è
la sensibilizzazione delle società assicurative
sul reale valore e sui benefici potenziali derivanti
dall’adozione di queste tecnologie: questo risulta essere
uno dei punti chiave per il superamento delle barriere
all’adozione. Per questo, secondo le analisi di InMedica,
saranno necessari ancora due o tre anni perché il decollo abbia
definitivamente atto.

Fino a tutto il 2009, secondo le rilevazioni di InMedica,
l’80% dei punti di accesso alle prestazioni di telemedicina
sono stati i centri sanitari, grazie alle tecnologie messe da
loro a disposizione, e si prevede che la situazione rimarrà
invariata anche nel breve periodo. Un nuovo scenario però si
potrebbe aprire con il maggiore utilizzo dei telefoni cellulari
come strumento a supporto delle attività di telemedicina: se ad
oggi il loro impiego è ancora esiguo, il numero di
device mobili che saranno utilizzati per le rilevazioni e le
trasmissioni dei dati clinici in mobilità nel 2014 toccherà i
350mila
. In particolare questo tipo di tecnologia è
estremamente utile nel gestire malattie croniche come il diabete:
in questi casi infatti il cellulare viene usato per trasmettere i
valori della glicemia al medico, con il vantaggio di poter avere
una risposta immediata. Secondo Neha Khandelwal, analista di
InMedica, «L’uso dei telefoni cellulari a supporto
della telemedicina ha avuto molti consensi negli ultimi due anni;
in particolare, i pazienti e le aziende produttrici di device
mobili riconoscono i benefici del trasmettere i dati in
movimento. Prevediamo che gli operatori di telefonia cellulare
avranno, nel lungo periodo, un ruolo sempre più importante per
la crescita del mercato della telemedicina».

Articolo 1 di 3