Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ricerche

La Pubblica Amministrazione italiana ha bisogno di Business Intelligence.

Uno studio Nomisma sostiene che il salto da fare non è nell’hardware o software, ma nell’intelligence attraverso cui rendere i dati pubblici fruibili e intellegibili

08 Nov 2011
La Pubblica Amministrazione italiana ha bisogno di informazioni “intelligenti” e sta concentrando gli investimenti per i prossimi 5 anni sulla business intelligence.
L’applicazione degli strumenti di BI nella PA – in termini di livello di cultura, valore metodologico e valorizzazione del patrimonio informativo pubblico – è stata messa sotto la lente d’ingrandimento nel rapporto realizzato da Nomisma – società di studi che esercita la funzione di osservatorio locale, nazionale e internazionale sui fenomeni economici – con il contributo di Iconsulting e DigitPa.
La premessa dello studio è che, contrariamente a quanto si pensa, in questi anni è stato fatto uno sforzo di ammodernamento tecnologico significativo, influenzato probabilmente anche dai bassi livelli di partenza: le amministrazioni sono state dotate negli ultimi dieci anni di una struttura informatica di assoluto rilievo – a fronte di un investimento medio annuale di due miliardi di euro – e hanno acquisito le risorse umane e professionali necessarie alla sua gestione. Infatti, secondo le stime di EU Klems-Eurostat gli investimenti in nuove tecnologie del settore pubblico sono cresciuti di un fattore moltiplicativo pari a 15 tra il 1990 e il 2007, con gli acquisti in hardware a farla da padrone, rispetto alla componente software, con un aumento di 50 volte tra il 1990 e il 2007.
A fronte dunque di una consolidata base di beni e servizi ICT a supporto dell’attiva delle Pubbliche Amministrazioni, il vero punto di snodo per il futuro sarà rappresentato da come riusciranno a gestire e utilizzare l’enorme mole di dati di cui oggi dispongono. Complessivamente, infatti si parla di mettere a sistema circa 1.400 basi di dati pubbliche che contengono circa mezzo milione di gigabyte, con un costo correlato di manutenzione e razionalizzazione non indifferente: si prevede che nei prossimi 5 anni saranno investiti non meno di 250-300 milioni di euro. Secondo il rapporto, le principali banche dati su cui si stanno concentrando le azioni, centrali o locali, centralizzate o federate, a favore di una maggiore disponibilità e di una migliore interoperabilità, sono quelle riferite alle anagrafi della popolazione, alle basi territoriali, al catasto e alla fiscalità.
E’ quindi inevitabile che la Business Intelligence acquisti un ruolo preponderante tra le priorità future delle PA, tenendo sempre ben presente che oltre alle risorse finanziarie – il mercato potenziale di prodotti e servizi di BI può essere stimato in non meno di 300-350 milioni di euro – sarà necessario disegnare una vera e propria strategia e una logica di mercato aperta nei dati, nei formati e nella leggibilità delle informazioni.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
business intelligence
N
Nomisma
P
PA

Articolo 1 di 5