Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Indagini

La funzione IT si trasforma: conferme e sorprese

Lo spaccato sull’Italia di un’indagine Vanson Bourne per conto di CA in 21 Paesi rivela i trend fondamentali che riguardano l’evoluzione dell’IT e della figura del CIO verso compiti più strategici e utili all’azienda

02 Set 2014

Redazione

Lo studio “TechInsights Report: The Changing Role of IT and What to Do About It” realizzato da Vanson Bourne in collaborazione con CA è stato realizzato intervistando 1300 IT manager di grandi organizzazioni in 21 Paesi individuando sei punti/trend significativi.

1: Le funzioni IT italiane non misurano il valore generato a supporto del business. Secondo lo studio solo il 34% delle aziende italiane misura i vantaggi effettivi derivanti dagli investimenti IT (nel mondo 39%). Solo il 27% mette a disposizione dei responsabili del business metriche prestazionali (nel mondo 31%)

2: Il business è l’IT, l’IT è il business. Il 29% della spesa IT è ormai gestita fuori dai reparti IT e crescerà al 39% nei prossimi tre anni (la media mondiale sarà pari al 44%)

3: Il CIO tende a riportare direttamente al CEO. In Italia, il 55% dei CIO riporta in modo diretto al CEO (65% nell’EMEA, 71% a livello globale). Nel 2011 era solo il 36%.

4: Aumenta la spesa dedicata alla creazione di nuovi servizi di business. In Italia, la spesa per nuovi prodotti e servizi vale il 43% per cento contro il 47% dell’EMEA e il 49% a livello. Sarà pari al 53% tra tre anni contro il 59% previsto per l’EMEA e il mercato globale.

5: L’IT assume il ruolo di consulente/broker per il business. Il 51% delle aziende italiane vede il reparto IT come broker di servizi o consulente per le linee funzionali, anziché come fornitore esclusivo di servizi IT. Il dato italiano è il più alto rispetto al 43% dell’area EMEA e il 39% a livello mondiale.

6: Tutti avvertono i cambiamenti, ma non c’è accordo sulla loro portata effettiva. Il 41% degli intervistati italiani è convinto che alcune funzioni passeranno sotto altri reparti, ma che la funzione IT rimarrà un reparto specializzato a sé stante (34% in EMEA e mercato mondiale). Il 35% ritiene che le funzioni IT rimarranno immutate rispetto a oggi (27% in EMEA e 28% a livello mondiale). Il 13% degli IT manager italiani ritiene che la maggior parte delle funzioni IT diventerà di competenza di altri reparti, ma che l’IT rimarrà un dipartimento a sé stante.

Articolo 1 di 4