Focus

L’SCM non conosce crisi: +12,3%

Il mercato del software legato alle tecnologie di Supply Chain Management ha raggiunto quota 7,7 miliardi di dollari nel 2011, in crescita del 12,3% rispetto…

10 Lug 2012

Il mercato del software legato alle tecnologie di Supply Chain Management ha raggiunto quota 7,7 miliardi di dollari nel 2011, in crescita del 12,3% rispetto all’anno precedente. Lo rende noto Gartner in un rapporto recentemente pubblicato.

Per il mercato della Supply Chain si tratta del secondo anno consecutivo di crescita a doppia cifra, segno che gli investimenti in questo settore non hanno sofferto troppo dei tagli ai budget IT all’interno delle aziende. Nord America ed Europa occidentale sono le aree più dinamiche, rappresentando circa il 79% del giro d’affari. Tuttavia, la crescita europea ha registrato un rallentamento.

SAP e Oracle sui gradini più alti del podio

Leader di mercato è naturalmente SAP, che secondo Gartner ha una quota di mercato pari a circa il 20%, destinata a crescere ulteriormente con la recente acquisizione di Ariba, società accreditata da Gartner di una quota di mercato del 4,7% nel 2011. Dopo SAP c’è Oracle, forte soprattutto sul mercato americano e nei settori dell’industria high tech con una quota di mercato nel 2011 del 16,9%, in calo rispetto al 17,6%
dell’anno precedente. A parte Ariba, ai posti che seguono si trovano produttori specializzati come JDA Software e Manhattan Associates.

WEBINAR
Advanced Analytics e Machine Learning per Supply Chain sotto stress
Intelligenza Artificiale
IoT

Nel 2011, secondo le valutazione di Gartner, i primi 5 produttori detenevano comunque una quota di mercato globale del
48,3%
, mentre più della metà del mercato complessivo del software di Supply Chain Management è gestito da piccoli e medi produttori fortemente specializzati o attivi su base locale.

Il mercato italiano

Anche in Italia la diffusione di soluzioni di SCM ha visto come protagonisti i grandi vendor di sistemi ERP internazionali come Oracle, Infor e soprattutto SAP con prodotti di grande copertura funzionale, ma che spesso richiedono integrazioni ad hoc per risolvere problemi o coprire processi aziendali molto specifici.

Nel nostro Paese i settori interessati allo sviluppo e alla gestione della Supply Chain sono principalmente quelli del
largo consumo alimentare e non
: supermercati, ipermercati e grandi punti vendita che devono affrontare i problemi della gestione delle scorte, del riassortimento delle merci e della disponibilità dei prodotti a scaffale. Altri settori da considerare come grandi utilizzatori del software di Supply Chain Management sono quelli dell’automotive ma anche della meccanica specializzata, impegnati nell’integrazione con i fornitori.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5