Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ricerche

Software di storage, il mercato cresce ancora

Nel primo trimestre dell’anno il valore del comparto è aumentato a livello globale del 3,2%. Tra i segmenti più vivaci con crescite superiori al 7% ci sono il software per Data Protection & Recovery e lo Storage & Device Management

08 Lug 2013

Piero Todorovich

Stando all’ultimo report pubblicato da IDC nell’ambito del “Worldwide Storage Software QView” il mercato mondiale del software di storage sta segnando un momento d’interesse e ripresa. Nei primi tre mesi dell’anno, la crescita generale di questo settore è stata pari al 3,2% rispetto all’analogo periodo del 2012, portando il totale delle vendite nel periodo a 3,6 miliardi di dollari.

Gli analisti di IDC spiegano l’aumento dei fatturati con un generale aumento della domanda di software nel settore, in particolare nei segmenti del Data Protection & Recovery e nel comparto Storage & Device Management.

L’incremento d’interesse è generato dall’attenzione delle imprese per l’impiego di tecnologie in grado di assicurare contro le perdite di dati, oltre che capaci di migliorare l’efficienza operativa. In generale c’è stato un ritorno d’attenzione per le infrastrutture core del data center.

I primi della classe

EMC, IBM e Symantec risultano essere secondo IDC i principali operatori nel campo del software di storage con quote di ricavi rispettivamente pari al 23,9%, 16,8% e 14,7% del mercato globale. I fornitori Veeam e CommVault hanno invece registrato nel primo trimestre del 2013 la maggiore crescita del settore, con incrementi pari rispettivamente al 35,4% e al 23%.

Tra i comparti software a maggiore crescita, il segmento Data Protection & Recovery è cresciuto del 7,6% a quota 1,3 miliardi di dollari, seguito dal software di Storage & Device Management in crescita del 7,3% a 706,6 milioni di dollari.

Articolo 1 di 4