Nuovi arrivi

Retelit parla inglese e sbarca a Londra

L’operatore italiano di servizi di trasmissione dati e infrastrutture ha inaugurato a Londra un nuovo POP così che i suoi clienti potranno avere a disposizione una connettività ancora più ampia grazie a una rete europea estesa

04 Mar 2015

Redazione

Giuseppe Sini, Direttore Commerciale di RetelitRetelit, operatore italiano che fornisce dati e infrastrutture, amplia la propria presenta sul mercato internazionale sbarcando a Londra. I suoi clienti potranno così avvalersi di una più ampia connettività e di nuove opzioni di peering grazie alla rete europea estesa.

L’inaugurazione del nuovo punto di presenza permetterà di ottimizzare i collegamenti verso i clienti internazionali che già sono in Telehouse, fornendo i servizi di carrier Ethernet e VPN MPLS direttamente on-site e aumenterà la copertura di destinazioni internazionali anche per i clienti italiani.

Telehouse è oggi uno dei maggiori punti strategici di interscambio di traffico dati europeo e il fatto di essere presente al suo interno rende l’offerta Retelit accessibile a tutti gli operatori presenti nel data center funzionando come fosse un hub verso l’America. Con questa nuova presenza nel Regno Unito, Retelit amplia la propria strategia di peering rendendo più alta la qualità dei suoi servizi Internet ultra-broadband e in grado di assicurare prestazioni migliorate.

«Per soddisfare la domanda sempre crescente di erogazione dei servizi carrier Ethernet direttamente dagli hub internazionali, avevamo deciso di espandere la nostra rete aumentandone i punti di accesso – ha sottolineato Giuseppe Sini, Direttore Commerciale del Gruppo -. Attraverso il nuovo punto di presenza a Londra, Retelit sarà al centro dei collegamenti intercontinentali e sarà in grado di ampliare il ventaglio di destinazioni dei propri servizi internazionali in uno dei nodi strategici delle comunicazioni in Europa».

Retelit parla inglese e sbarca a Londra

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link