Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Strategie

Project Milano cambia nome, diventa PromiGroup e spinge sull’internazionalizzazione

Nel nuovo nome del system integrator c’è la volontà di connotarsi come un vero e proprio Gruppo, con sedi in tutto il mondo. Obiettivo? «Seguire localmente con forniture e servizi alcuni clienti italiani che hanno avviato dei business oltre i confini nazionali», racconta Piero Antonio Fretto, amministratore unico di PromiGroup

10 Giu 2019

Redazione

Un cambio strutturale dell’azienda e a una nuova strategia di copertura del mercato. Nasce da qui la decisione di Project Milano di cambiare nome e diventare PromiGroup, per configurarsi definitivamente come un gruppo.

Come ha sottolineato Piero Antonio Fretto, amministratore unico del Gruppo, «la svolta è dovuta al fatto che negli ultimi tempi Project Milano ha dato vita ad alcune aziende all’estero, per seguire localmente con forniture e servizi alcuni clienti italiani che hanno avviato dei business oltre i confini nazionali».

Antonio Fretto

Amministratore Unico di PromiGroup

La decisione rispecchia, quindi, l’interesse del gruppo «che spinge sull’internazionalizzazione, che interessa non solo PromiGroup, ma anche le aziende cliente e i vendor con cui intercorrono da anni rapporti di collaborazione e su cui si è investito in termini di competenze, Dell Technologies ed Epson», ha ribadito Fretto.

Il Gruppo si connota così come un “braccio armato” di Dell ed Epson che arriva oltre gli Oceani, sottolinea un recente articolo pubblicato su Digital4Trade, che racconta come a innescare la trasformazione del modello di business sia stata una commessa, su scala mondiale, che prevedeva l’erogazione di servizi e la fornitura e installazione di infrastrutture e prodotti proprio a marchio dei due noti vendor tecnologici.

Italia, Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti e Svizzera: la presenza di PromiGroup nel mondo

Questa operazione ha visto la nascita di PromiGroup Australia, PromiGroup Nuova Zelanda, PromiGroup USA e PromiGroup Svizzera, mentre la capogruppo rimane sempre PromiGroup Italia, a cui si aggiunge poi la consociata PromiService, che supporta trasversalmente tutte le altre realtà. Ancora è in fase di valutazione l’espansione nell’Est Europa: sono già partite delle attività in Albania e si  intravedono opportunità di business interessanti anche in Bulgaria e in Polonia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

Antonio Fretto

Aziende

P
PromiGroup

Approfondimenti

I
internazionalizzazione
S
system integrator

Articolo 1 di 5