Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

News

La tecnologia al servizio degli anziani

SweetAge1 è un progetto di ricerca e sviluppo sperimentale per il monitoraggio a di malati cronici affetti da “Broncopneumopatia cronica…

24 Gen 2012

SweetAge1 è un progetto di ricerca e sviluppo sperimentale per
il monitoraggio a di malati cronici affetti da
“Broncopneumopatia cronica ostruttiva” (BPCO).

Il progetto ha portato allo sviluppo e la sperimentazione di un
sistema integrato di sensori e relativo software (Monitor
System), in grado sia di monitorare specifici parametri biomedici
sia di gestire le informazioni registrate.

SweetAge1 è stato realizzato dall’Università Campus
Bio-Medico di Roma, dal Cattid-Sapienza Università di Roma e da
Intersistemi, con la collaborazione di Evolvo, Go Management
Consulting e Fondazione Alberto Sordi e il finanziamento della
regione Lazio.

Per agevolare la vita dell’anziano nell’uso della
tecnologia, il prototipo è stato progettato come un kit di
sensori che i pazienti semplicemente indossano ad orari
prestabiliti. L’unica accortezza da parte
dell’anziano sta nel ricordarsi di accendere il kit e di
indossarlo.

Durante la sperimentazione, durata dodici mesi, i parametri
vitali acquisiti (saturazione, frequenza cardiaca, frequenza
respiratoria, temperatura, livello di attività fisica, Galvanic
skin response – ovvero l’indice di attivazione del
sistema nervoso simpatico), sono stati trasmessi quotidianamente
(ogni 3 ore per 5 minuti) al “Presidio di controllo
sanitario” del Campus Bio-Medico di Roma ove il medico
controlla lo stato di salute dell’assistito.

Il kit SweetAge1 ha permesso di percepire dati
“preclinici”, altrimenti difficilmente acquisibili,
permettendo di rilevare tempestivamente eventuali riacutizzazioni
o peggioramenti dello stato di salute e di ottimizzare la
terapia. Visti risultati positivi conseguiti è in fase di studio
un’estensione del sistema.

Articolo 1 di 5