Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

News

Il Politecnico di Milano premia gli innovatori della Sanità italiana. Consegnati sei riconoscimenti per le migliori applicazioni tecnologiche

Sei tra ospedali, cliniche, istituti di ricerca e ASL, in tutta Italia, sono i vincitori del Premio Innovazione Ict in Sanità, consegnato a Bologna…

02 Giu 2010
Sei tra ospedali, cliniche, istituti di ricerca e ASL, in tutta
Italia, sono i vincitori del Premio Innovazione Ict in Sanità,
consegnato a Bologna nell'ambito di Exposanità alle
strutture che, secondo l'Osservatorio del Politecnico di
Milano, si sono distinte per le migliori e più funzionali
applicazioni tecnologiche in questo ambito. I premi corrispondono
ad altrettante sezioni: dematerializzazione dei documenti
e revisione dei processi in Sanità (ASL Vicenza); continuità
assistenziale e medicina sul territorio (ASL Padova); miglior
servizio ai cittadini (Ospedale Galliera di Genova); integrazione
dei processi ospedalieri (Istituto Nazionale Tumori);
integrazione delle informazioni cliniche del paziente sul
territorio (ASL 1 Piacenza), interoperabilità dei sistemi
informativi ospedalieri (Fondazione San Raffaele)
.

Alcuni esempi: l’Ospedale Galliera di Genova ha realizzato
un software che permette di vedere online – da casa o dal 118 –
quali pronto soccorso dell'area metropolitana genovese hanno
maggiori pazienti in attesa o in carico, e di che gravità, in
modo da evitare quelli più congestionati. Inoltre, tutti i
documenti sanitari e i referti clinici sono prodotti, consultati,
gestiti e archiviati in digitale, attraverso un unico archivio e
un'interfaccia web, con grande risparmio di risorse e di
tempo.

All’Asl di Padova, i sanitari che fanno assistenza
domiciliare ai pazienti hanno smart phone e altri strumenti
portatili che permettono loro di tracciare il percorso più
intelligente da seguire durante la giornata per portare a termine
tutti gli interventi previsti, scaricare la cartella clinica del
paziente una volta arrivati a destinazione e dopo
l'intervento inserire elettronicamente i nuovi dati.

L'Istituto Nazionale Tumori ha messo a punto un sistema che
consente la tracciabilità delle sacche di sangue trasfusionali
(trasfusioni sicure integrate) e dei tessuti, così da monitorare
azioni, tempi e temperatura nelle diverse fasi del processo di
raccolta, lavorazione e conservazione dei tessuti, associando
queste informazioni ai dati clinici del paziente e
dell’intervento.

Infine, l'Asl di Piacenza ha creato 9500 “patient
summary” con i dati principali di altrettanti pazienti, che
oggi possono essere visualizzati tramite password dai medici del
pronto soccorso e della guardia medica di Fiorenzuola, in modo da
garantire che dopo le dimissioni ci sia la migliore continuità
di cura del paziente tra ospedale e territorio

Articolo 1 di 5