Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Eventi

Formula con Sage e InfoCert per innovare la tesoreria

Il ruolo del CFO in azienda è sempre più rilevante e complesso e richiede il supporto di strumenti digitali avanzati e sicuri. Se ne è parlato in occasione del CFO Meeting 2015 di Gruppo Formula, che ha annunciato anche un accordo che arricchisce la soluzione con la firma digitale di Infocert

22 Apr 2015

Giorgio Fusari

La trasformazione del business innescata dalla tecnologia digitale sta accrescendo il ruolo del direttore finanziario e Gruppo Formula, il system integrator di software gestionale per medie e grandi imprese, intende aiutarlo, ricoprendo un importante compito di innovatore anche nel settore della tesoreria aziendale.

In quest’ottica va letto l’annuncio della collaborazione sinergica e strategica con InfoCert sulla soluzione per la tesoreria aziendale Sage XRT Treasury. Un annuncio avvenuto, non a caso, proprio in contemporanea con il consueto evento CFO Meeting 2015, dedicato specificamente ai responsabili amministrativi e finalizzato a fotografare l’attuale scenario.

Il CFO, un manager strategico per l’azienda

Oggi, oltre a essere una figura professionale più strategica, il CFO (chief financial officer) ha un ruolo maggiormente critico e delicato all’interno dell’organizzazione, dovendo svolgere funzioni più complesse rispetto al passato. Da business partner e garante dei numeri e delle informazioni aziendali, sta passando a un ruolo di ’assurance’ del business. «Se non è il numero uno, il CFO è sicuramente il numero due nell’organigramma aziendale» sottolinea Luca Berta, partner della società di consulenza Deloitte, parlando all’evento.

Il profilo del CFO odierno emerge da una survey di Deloitte a livello internazionale. «Non c’è un business aziendale che possa funzionare bene senza un’infrastruttura finance che lo supporti, e garantisca la bontà dei numeri» aggiunge Berta. Di conseguenza un amministratore delegato non può prescindere da una corretta gestione in azienda dell’area amministrazione, finanza e controllo. Ma, rispetto a 10-15 anni fa, in termini di gestione dei rischi, il problema non è più soltanto assicurare la compliance fiscale o presentare un bilancio corretto: è anche avere le informazioni giuste al momento giusto per prendere talune decisioni.

Pierpaolo Benintende, Responsabile Marketing & Business di InfoCertAltro aspetto: come controllore delle risorse aziendali, il CFO è il primo interlocutore degli enti finanziatori, banche internazionali, fondi di private equity. Quando si interagisce con questi soggetti, dice Berta, gli aspetti tecnici sono importanti e fanno la differenza: il modo in cui si espongono i dati, si presenta un business plan, un bilancio, o i risultati dell’azienda, non sono solo forma, in certi momenti diventano sostanza.

Qui la coerenza, l’affidabilità dei numeri, la tempestività con cui vengono forniti si possono considerare elementi chiave per le aziende.

Unione di forze: obiettivo abilitare il TMS del futuro

I CFO di nuovo profilo hanno necessità di un moderno TMS (treasury management system) e la sinergia Formula-Sage-InfoCert punta a questo. Formula, spiega Alfred Petitpierre, Direttore Area Finance della società, vuol fornire ai CFO strumenti software per dominare la situazione in un ambiente di business sempre più dinamico e veloce dove i dati devono, appunto, essere coerenti, affidabili e tempestivi.

Qui la soluzione Sage XRT Treasury – sottolinea Jean Beaufort, International Business Development Managing Director di Sage – usata da circa 6.500 clienti in tutto il mondo e progettata per gestire la liquidità multi-country e le esigenze delle direzioni finanziarie di medie e grandi imprese, nella sua nuova versione porta novità tecnologiche capaci di innovare la tesoreria tradizionale. Questa soluzione collaborativa, indica Sage, è modulare, multilingua, multiprotocollo, localizzata per il mercato italiano, disponibile on-premise o online. Copre tutte le necessità di cash management, dallo sviluppo del budget alla gestione dei rischi finanziari, alle connessioni e scambio di dati con tutte le istituzioni finanziarie, ai mezzi di pagamento, alla riconciliazione bancaria. Consente un accesso sicuro ai dati, automatizza i processi, e ottimizza la profittabilità tramite la presa di decisioni più informate.

Il valore dell’accordo con InfoCert

Ora, attraverso la partnership con InfoCert, l’obiettivo è rafforzare ulteriormente aspetti chiave come la security e la dematerializzazione delle transazioni. «Per offrire ai nostri utenti più produttività – dice Beaufort – dobbiamo avere maggior sicurezza».

InfoCert, sottolinea Pierpaolo Benintende, Responsabile Marketing & Business della società, è una delle maggiori Certification Authority a livello europeo per la firma digitale e i processi di conservazione digitale dei documenti, e la sinergia che ha stabilito con Formula tocca appunto gli aspetti di dematerializzazione e firma digitale, che influenzano processi controllati dai CFO come le disposizioni di incasso e pagamento, e permettono di migliorare la velocità e sicurezza dei processi aziendali. In particolare, aggiunge Petitpierre, mirando a capitalizzare su novità normative come SEPA e tecnologiche come XML, Sage XRT Treasury si arricchisce di una componente legata alla firma digitale che utilizza tecnologia InfoCert.

In sostanza il punto è arrivare a un processo di ’industrializzazione’ della tesoreria, in cui le certificazioni dei pagamenti si basano su un approccio cloud integrato con i processi aziendali e dove i servizi risultano completamente orchestrabili e interoperabili con banche e soggetti terzi. Charles Tarbé, Vicepresidente e Amministratore Delegato di Formula, sintetizza e chiarisce: come nel mondo ERP a un certo punto si è capito di dover andare oltre, sviluppando l’ ’Extended-ERP’ – non più ’azienda-centrico’, ma integrato con i sistemi IT di fornitori e clienti – così oggi lo stesso fenomeno sta avvenendo nel mondo della tesoreria, in cui la terza parte centrale è rappresentata dalle banche. «Fondamentalmente, per avere efficacia e sicurezza massime, bisogna estendere il confine della tesoreria, utilizzando tool del livello più elevato». Questo è il tema che ha portato Formula a definire la sinergia realizzata insieme a Sage e InfoCert.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Formula con Sage e InfoCert per innovare la tesoreria

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link