Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Indagine

Export vincente per le imprese italiane, ma attenzione ai trasporti

L’export rappresenta una risorsa fondamentale per le imprese italiane. Per massimizzare questa opportunità è però importante gestire al meglio la spesa per i servizi di trasporto correlati, soprattutto se in territori poco conosciuti. Tecnologie e competenze professionali specifiche possono essere di aiuto

19 Dic 2014

Matteo Ambrosioni, Account Director di BravoSolution

L’export rappresenta una risorsa fondamentale per le imprese italiane. La recente indagine Medie Imprese Motore di Sviluppo svolta dall’Università di Padova e GE Capital evidenzia, in particolare, una relazione diretta tra crescita ed attività all’estero, che supera anche il 10% per le aziende con elevata incidenza di export (50%).

In questo scenario le spese di trasporto assumono rilevanza crescente, da cui l’esigenza di gestirle con particolare attenzione per non perdere vantaggio competitivo. Questo ambito di acquisto, che tipicamente presenta complessità quali mercati di fornitura instabili e molto frammentati e operatività altamente “time consuming”, può diventare ancora più critico quando le tratte da negoziare riguardano mercati poco conosciuti.

Soprattutto in questi casi può dunque essere utile il supporto di soluzioni specialistiche, che abbinano tecnologie specifiche per la negoziazione di servizi di trasporto – sia con modalità “spot order”, sia “accordo quadro” – ad una profonda conoscenza di mercato.

Modalità di negoziazione dei servizi di trasporto

Per gli ordini spot, tipicamente utilizzato per negoziazioni occasionali e senza particolari complessità, la soluzione “Transportation Network” offre in particolare:

  • una piattaforma di negoziazione “pronta all’uso”
  • template di richiesta di offerta già disponibili per le diverse tipologie di trasporto (es. navale, stradale, intermodale; carichi completi, groupage, corrieri espressi… )
  • data base fornitori pre-profilato

Gli accordi quadro sono invece solitamente negoziati a fronte di esigenze di trasporto complesse (ad esempio per la numerosità delle tratte, per possibili vincoli sulla tipologia di mezzi da utilizzare, per la variabilità dei fabbisogni…) e con ricadute strategiche sul business aziendale. In questo caso risultano vincenti, sulla base della nostra esperienza, modalità di relazione cliente-fornitore collaborative, in ottica “win-win”.

La soluzione BCS Collaborative Sourcing risponde a questa esigenza attraverso una piattaforma di negoziazione collaborativa che:

  • permette ai fornitori di proporre “soluzioni di trasporto” (e non solo offerte) che gli consentono di ridurre i propri costi operativi nel rispetto dei requisiti di ingaggio
  • permette ai committenti di valutare preliminarmente, attraverso specifici “scenari di aggiudicazione, il rapporto costi/rischi/benefici delle diverse proposte
  • analizza rapidamente volumi di dati ingestibili manualmente

Il tema è affrontato in maniera più completa nel documento “Soluzioni Collaborative per ottimizzare i costi e ridurre i rischi lungo la Supply Chain”, a disposizione del lettori di ICT4 Executive >>

Articolo 1 di 5