Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Mobile Marketing

Coin innova la customer experience con iBeacon

Nei department store milanesi del retailer italiano è attivo un nuovo servizio basato sulla tecnologia di prossimità disponibile nell’iPhone: punti e promozioni ai cliente ad ogni ingresso in negozio, da presentare in cassa

25 Giu 2014

redazione

Il Gruppo Coin, il più grande retailer di abbigliamento italiano, continua il percorso di innovazione per dare ai propri clienti un’esperienza di acquisto ancora più piacevole e innovativa. È infatti tra le prime in Italia a utilizzare iBeacon (bluetooth LE), la tecnologia di prossimità introdotta da Apple con iOS 7, che avvisa i clienti in possesso di un iPhone che si trovavano nelle vicinanze del centro commerciale. In questo modo è possibile fornire messaggi agli utenti in modo mirato, a seconda della loro posizione, come già succede negli Apple Store e, al momento, in pochissime altre iniziative nel mondo.

Coin in partnership con CheckBonus, ha realizzato la prima app per smartphone che usa iBeacon per premiare il cliente ad ogni ingresso in un negozio convenzionato. Si comincia dai quattro department store di Milano (piazza 5 Giornate 1/A, viale Monza 1, piazza Cantore 12 e corso Vercelli 30/32), dove gli utenti CheckBonus avranno la possibilità di accumulare punti “checkbonus” all’interno dell’app e di sbloccare promozioni esclusive, a partire dalla possibilità di ottenere gratuitamente la Coincard che verrà consegnata una volta mostrata alle casse la schermata con la promozione che apparirà sull’app al primo ingresso.

«Siamo entusiasti che un department store come Coin creda nella nostra app: la forza di CheckBonus è quella di premiare l’intera esperienza dello shopping, non soltanto gli acquisti effettuati», spiega Pierluigi Casolari, che ha creato CheckBonus nel 2013 con Yuri Ceschin. «Per la prima volta, dei benefici vengono concessi anche a chi si reca in un negozio soltanto per provare un capo o per curiosare tra le novità. Saranno poi proprio i punti accumulati sull’app a consentire un acquisto», aggiunge Casolari.

È infatti sufficiente entrare in un negozio con l’applicazione CheckBonus accesa per accumulare sul proprio profilo i punti “checkbonus” che contribuiranno poi a conquistare vantaggi esclusivi o uno dei premi presenti nel catalogo di CheckBonus (giftcard o coupon di sconti). Una volta raggiunti i punti necessari, sarà possibile richiedere a CheckBonus il premio e ricevere un codice sullo smartphone o un voucher digitale da mostrare al personale vendita del negozio prescelto.

Oltre a Coin, primo department store in Italia ad attivare un’iniziativa di questo tipo, tra i partner di Checkbonus ci sono la libreria Hoepli di Milano e i punti vendita di Marco Polo, Adidas e Brico Sport situati a Milano e nell’hinterland.

Checkbonus utilizza la tecnologia iBeacon allo scopo di potenziare i servizi di localizzazione indoor per i dispositivi mobili. Bastano uno smartphone che supporti il bluetooth LE, come un iPhone, e dei trasmettitori ibeacon che localizzino gli utenti all’interno di uno store e interagiscano con loro, inviando contenuti in base alla posizione in cui si le persone si trovano: è così che un negozio Coin si può trasformare in uno smart store in grado di interagire in tempo reale con la clientela.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
checkbonus
C
Coin
D
digital marketing
I
i Beacon

Articolo 1 di 5