Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Soluzioni Cloud

Dimension Data, la Cloud Computing Consultant Company

Il 2012 ha segnato una svolta per l’azienda: la creazione della Business Unit Cloud ha trasformato il posizionamento di mercato. Non più solo system integrator, ma anche fornitore di un prodotto proprio grazie
a un’offerta completa di Enterprise Cloud privato, pubblico e ibrido

15 Lug 2013

Roberto Del Corno, Managing Director di Dimension Data per Italia e SpagnaIl Cloud Computing ha messo a disposizione delle aziende un paradigma totalmente innovativo per l’accesso e l’uso della tecnologia. Non più acquisto di prodotti integrati e manutenuti, ma accesso a un servizio gestito e modulabile. Ma il passaggio da una strategia tradizionale a un modello Cloud nasconde complessità che, se non gestite correttamente, possono trasformare una grande opportunità in un problema di business.

La complessità tecnologica porta sempre più le aziende a scegliere un partner in grado di rispondere alle loro esigenze presenti e future e non più solo a individuare una tecnologia da integrare nella propria infrastruttura. Il compito del system integrator sta proprio nell’interpretare e assimilare queste esigenze.

«La trasformazione verso l’as-a-service è un vero processo che deve considerare molti fattori organizzativi, tecnologici e di business. Non esiste il concetto di migrazione standard di una infrastruttura tecnologica aziendale verso un servizio Cloud pacchettizzato», sottolinea Roberto Del Corno, Managing Director di Dimension Data per Italia e Spagna.

Dato che il processo evolutivo verso il Cloud coinvolge l’infrastruttura, i processi e l’organizzazione aziendale, il fornitore deve poter offrire un supporto consulenziale capace di predisporre il percorso migliore per rimodulare l’organizzazione in funzione dell’evoluzione del business, e quindi dell’infrastruttura. Diventa così vitale un’azione strutturata a supporto della definizione di obiettivi, processi, cambiamenti organizzativi, nonché delle scelte importanti sui tipi di servizi Cloud (private, public, hybrid) da implementare, dei carichi di lavoro applicativi da trasformare in as-a-service, e dell’identificazione di nuove applicazioni Cloud-ready.

Il 2012 ha segnato una svolta per Dimension Data: la creazione della Business Unit Cloud, risultato di ingenti investimenti sia organici che in termini di acquisizioni, ha trasformato il posizionamento di mercato dell’azienda. Non più solo system integrator, ma anche vero e proprio fornitore di un prodotto proprio grazie a una offerta completa di Enterprise Cloud Computing privato, pubblico e ibrido e per livelli crescenti di terziarizzazione della gestione dell’IT (IaaS, PaaS e SaaS).

«È l’unione di queste due anime a fornire ai nostri clienti la qualità di consulenza di cui necessitano: la profonda conoscenza tecnologica sviluppata per decenni in ogni area della system integration è messa al servizio dei clienti per una migrazione al Cloud costruito attorno alle proprie esigenze e non venduto come prodotto “off the shelf”», specifica il manager. Quando un’azienda decide di valutare una migrazione della propria infrastruttura – data center, networking, voce o video – a un servizio cloud, può contare sull’esperienza di chi conosce l’infrastruttura, è in grado di interpretare le necessità di business e può definire il percorso di trasformazione nei modi e tempi opportuni, fino a personalizzare la soluzione secondo le specifiche esigenze.

Articolo 1 di 3