Sicurezza

Da G DATA una nuova app per proteggere le chat

L’azienda ha presentato Secure Chat, disponibile per Android, che pone al riparo da intercettazioni la messaggistica istantanea

18 Set 2015

A. F.

G DATA, il fornitore di soluzioni per la sicurezza IT, ha annunciato di aver rilasciato Secure Chat, la app gratuita, disponibile su Google Play Store, per la messaggistica istantanea. Al momento disponibile per Android, questa app mette in sicurezza le comunicazioni via sms o chat grazie a una crittografia multipla ad alto livello di sicurezza; Secure Chat garantisce la privacy sia di utenti privati sia per le aziende mettendoli al riparo da un eventuale spionaggio cibernetico. Gli utenti privati avranno così la certezza di poter mantenere i proprio diritti su testi e immagini e gli utenti business, che utilizzano policy Byod aziendali, saranno posti al sicuro nel momento in cui dovranno scambiare informazioni riservate con i colleghi; il timer di auto distruzione di Secure Chat permette poi di specificare quando le immagini o i messaggi si devono cancellare, anche sul dispositivo del ricevente.

Il protocollo Axolotl, che G DATA ha adottato, è considerato tra i più inviolabili e per garantire la conformità alle normative europee in tema di protezione dati e delle informazioni critiche e alle regole sulla privacy che si trovano in Germania, G DATA ha posto i server per l’erogazione dei servizi Secure Chat nel suo campus.

«Quando aziende o privati si avvicinano al mondo delle applicazioni mobile per proteggersi contro lo spionaggio e il furto dei dati si confrontano con un mercato per la messaggistica istantanea molto caotico e particolarmente eterogeneo in termini di sicurezza delle comunicazioni – ha spiegato Christian Geschkat, product manager Mobile Solutions di G DATA -. Secure Chat è una app di facile utilizzo che garantisce comunicazioni altamente sicure tra gli interlocutori che impiegano la stessa piattaforma».

Da G DATA una nuova app per proteggere le chat

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 2