Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

VIDEOINTERVISTA

Costa Edutainment: in un progetto Cloud il vendor deve portare valore aggiunto

L’ICT Corporate Advisor Filippo Costa spiega il cammino verso l’hybrid cloud della società dell’Acquario di Genova: «Un CIO vuole avere punti di vista sul suo problema a cui lui non aveva pensato»

22 Apr 2016

Daniele Lazzarin

Non solo Acquario di Genova (che peraltro è il più grande acquario d’Europa): Costa Edutainment gestisce oggi 12 strutture, tra cui sempre a Genova il Museo del Mare Galata, la Biosfera, l’ascensore panoramico Bigo, il Museo Nazionale dell’Antartide, e la mostra-percorso Dialogo nel Buio. E inoltre l’Acquario di Cattolica, i parchi Oltremare, Aquafan e Italia in Miniatura sulla riviera romagnola, l’Acquario di Livorno e quello di Cala Gonone in Sardegna, e a Malta il Mediterraneo Marine Park. Nel 2015 il gruppo, con oltre 400 dipendenti, ha accolto 2,5 milioni di visitatori e realizzato un fatturato di oltre 52 milioni di euro.

Filippo Costa

ICT Corporate Advisor di Costa Edutainment

A margine dell’evento Day4Trade, l’ICT Corporate Advisor di Costa Edutainment, Filippo Costa, ci ha raccontato in questa videointervista il progetto di hybrid cloud del gruppo, innescato dalla forte crescita degli ultimi due anni, con varie acquisizioni: «Quello che prima era sufficiente per il polo di Genova, con un suo data center e infrastruttura virtualizzata on premise, è diventato insufficiente per una struttura distribuita geograficamente con poli di diverse dimensioni, ma l’esigenza era di capitalizzare quello che era già stato fatto, senza duplicare costi». Nella videointervista Costa racconta tra l’altro il suo punto di vista sul rapporto con i vendor tecnologici: «Per un CIO è sempre più difficile essere sempre aggiornato su tutti i fronti della digital transformation. E’ in questo che il fornitore mi deve dare valore aggiunto: nel farmi capire le opportunità per la mia realtà specifica, i progetti che altri con problemi simili ai miei hanno fatto nel mondo. Non mi dà valore se mi parla di pacchetti commerciali o funzionalità tecniche che trovo già descritti su internet».

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5