«Così si costruisce un canale per il cloud...», la guida di HP - VIDEO - Digital4

VIDEOINTERVISTA

«Così si costruisce un canale per il cloud...», la guida di HP - VIDEO

Alessandro Gabrieli, Cloud Director Hewlett-Packard Italiana, spiega quali sono i diversi compiti della filiera nel cloud journey. Una video intervista esclusiva alla scoperta delle nuove regole del canale, dei ruoli e delle opportunità che le terze hanno la possibilità di cogliere oggi. Dai System Integrator ai Service Provider passando per i Cloud Builder e gli ISV

15 Giu 2015

Marco Lorusso e Gianluigi Torchiani

Il viaggio delle aziende verso il cloud presuppone la partecipazione e il lavoro di diversi attori della filiera IT. Come racconta Alessandro Gabrieli, Cloud Director Hewlett-Packard Italiana, i player all’interno del sistema cloud sono molteplici: ci sono i distributori, i cloud builder, i service provider e gli Isv e ciascuno di questi soggetti può avere ruoli diversi e in un certo senso complementari. «Per i cloud builder, che avranno la funzione fondamentale di assistere il cliente nel passaggio dall’IT tradizionale, l’opportunità è quella di introdurre automazione e orchestrazione, fornendo ai propri clienti un catalogo servizi nel quale vengano esposte le applicazioni che possono essere fruite in modalità self service. Per i service provider l’opportunità è quella di arricchire il catalogo servizi in modalità public cloud e acquisire le soluzioni dagli Indipendent software vendor, i quali possono offrire i servizi in modalità Software as a service», spiega Gabrieli.

WHITEPAPER
Ecco come fornire servizi IT in outsourcing in modo efficace
Software
Trade

Il concetto su cui scommette da tempo HP, insomma, è quello del cloud ibrido. Per essere tale il cloud deve essere open: questo vuol dire avere la possibilità di trasportare i workload da un ambiente private a uno pubblico o viceversa, in funzione delle esigenze del business aziendale. Un modello che, ad esempio, servirà a mettere in piedi tutta l’esperienza digitale necessaria alla realizzazione di Avatar 2, l’attesissimo sequel del famosissimo film di fantascienza, come prevede un’apposita intesa siglata tra Lightstorm Entertainment, 20th Century Fox e la stessa HP. Ma anche il mercato nazionale è sicuramente ricco di opportunità: come ha certificato l’Osservatorio del Politecnico di Milano nel 2014 il valore della nuvola italiana si è aggirato intorno agli 1,3 miliardi di dollari, in crescita del 30% rispetto al 2013. Nel periodo compreso tra il 2015 e il 2018 lo sviluppo annuale dovrebbe essere del 15%, dunque le opportunità per i partner saranno piuttosto sostanziose, anche perché almeno il 50% di questo mercato dovrà essere indirizzato proprio da questi attori. «La filiera dovrà rispondere necessariamente a quelle che sono le domande del CIO. E il ruolo di questa figura professionale, nel cloud, cambia in modo abbastanza significativo. Il CIO diventa un internal service broker e un consulente delle diverse line of business, nell’ottica di individuare la risposta più idonea in ottica servizio cloud», spiega Gabrieli.

Alessandro Gabrieli, Cloud Director Hewlett-Packard ItalianaPer meglio accompagnare la cloud journey, nel corso del recente evento HP Discover la multinazionale ha annunciato una serie di modifiche al programma Hp Helion: «I clienti enterprise presentano una serie di esigenze legate al passaggio al cloud: alcuni necessitano di abilitare al cloud i carichi di lavoro tradizionali, altri cercano di costruire app cloud-native di ultima generazione utilizzando tecnologie moderne quali OpenStack®, Cloud Foundry® e Docker – spiega Gabrieli – . Il supporto esteso per molteplici hypervisor e ambienti cloud in HP Helion CloudSystem 9.0 offre alle imprese e ai service provider una flessibilità ulteriore per ottenere i vantaggi legati al cloud per le loro applicazioni nuove ed esistenti». Per il futuro, conclude Gabrieli, HP è alla ricerca di partner che possano promuovere ulteriormente l’adozione del cloud, ma che siano pronti però a trasformarsi, sia nelle modalità di approccio verso il cliente finale ma non solo, magari modificando le modalità di remunerazione della propria forza vendita.

«Così si costruisce un canale per il cloud…», la guida di HP – VIDEO

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link