Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il progetto

Con Ubi Money la consulenza sugli investimenti è on line

La piattaforma, sviluppata in collaborazione con Oracle, permette a Ubi Banca di offrire ai clienti consigli da esperti sui propri device senza recarsi in filiale, nel totale rispetto della normativa. La soluzione è stata tra i finalisti dei Digital 360 Awards nella categoria “CRM/Soluzioni per Marketing e Vendite”. Ne parla Giuseppe D’Antonio, Responsabile Internet & Mobile Banking della banca

04 Ott 2016

Portare un servizio ad alto valore aggiunto direttamente a casa dei clienti, offrendo praticità e sicurezza anche su un tema delicato come quello degli investimenti. È questo che ha deciso di fare Ubi Banca avviando la piattaforma Ubi Money, uno strumento – creato in collaborazione con Oracle – che per l’appunto genera un nuovo customer journey rispetto alla gestione del patrimonio. Nell’intervista qui in basso Giuseppe D’Antonio, Responsabile Internet & Mobile Banking di Ubi Banca, spiega la genesi del progetto, classificatosi tra i finalisti ai Digital 360 Awards nella categoria “CRM/Soluzioni per Marketing e Vendite”.

«Da uno dei focus group che realizziamo periodicamente è emersa l’opportunità di offrire un upgrade della qualità dei servizi di investimento», spiega il manager. «Abbiamo così sviluppato un’applicazione che permette ai clienti di ricevere sui propri device i consigli degli esperti di Ubi Banca, che analizzano la loro posizione, individuando opportunità di rotazione del portafoglio e raccomandazioni in linea con il profilo di rischio. Prima del lancio di Ubi Money, i correntisti erano costretti a recarsi in filiale per avere questo tipo di consulenza. La compliance normativa? Rispettata in maniera rigorosa sia nella forma che nella sostanza», assicura D’Antonio. «Si tratta di un processo di gestione che ha ricevuto il plauso della struttura legale di Ubi»

Articolo 1 di 5