Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Premi e riconoscimenti

Carlo Bozzoli di Enel finalista al MIT Sloan CIO Leadership Award

Il manager, che è Head of Global Information and Communications Technology del gruppo italiano, è entrato nella rosa dei 4 candidati al prestigioso riconoscimento internazionale, che sarà conferito a Cambridge il 24 maggio

27 Apr 2017

redazione

Carlo Bozzoli, Head of Global Information and Communications Technology di EnelCarlo Bozzoli, Head of Global Information and Communications Technology di Enel, è tra i quattro finalisti del decimo MIT Sloan CIO Leadership Award. Il riconoscimento, che sarà conferito pubblicamente il prossimo 24 maggio a Cambridge in occasione del convegno “The CIO Adventure: Now, Next and…Beyond”, premia i Chief Information Officer che a livello internazionale hanno saputo raggiungere ragguardevoli livelli di efficacia del business attraverso l’uso innovativo dell’IT. «La scelta è stata ardua, ma i quattro finalisti che abbiamo identificato dimostrano che la semplice gestione dei sistemi informativi è ormai un ambito troppo ristretto per i CIO, che giocano un ruolo critico nell’ispirare la digital transformation all’interno delle loro aziende», ha commentato George Westerman, membro della giuria.

Oltre a Bozzoli, sono in lizza Julia Davis, Senior Vice President and Chief Information Officer di Aflac, David Gledhill, Group Chief Information Officer and Head of Group Technology & Operations di DBS Bank e Stephen Gold, Executive Vice President and Chief Information Officer di CVS Health. I criteri con cui sono stati selezionati i profili fanno riferimento a quattro aree principali: ottime capacità di comunicazione, che permettono al professionista di articolare a partire dall’IT una visione strategica per la creazione di valore di business, e che lo aiutano a costruire partnership all’interno dell’organizzazione finalizzate a raggiungere questo obiettivo. Ma comunicare vuol dire anche sapere aiutare lo staff IT a comprendere il business stesso attraverso i suoi linguaggi. Il secondo punto riguarda la leadership nel proprio ambito. Ovvero riuscire a innestare un circolo virtuoso value-for-money nella gestione delle componenti e dei processi core realizzando i giusti servizi ai giusti costi e mantendendo il giusto livello di qualità.

Comprendere il business e i bisogni delle altre figure apicali dell’organizzazione (dal CEO al CFO) significa poi garantire un focus chiaro sul potenziale e sulle ricadute di ciascuna iniziativa IT, incorporandola nei processi decisionali. Come? Partecipando a conversazioni strategiche, suggerendo utilizzi innovativi delle tecnologie e ponderando i rischi. Il quarto criterio di valutazione è la capacità di esercitare autorevolezza oltre la divisione IT in qualità di partner affidabile dell’executive team. Questo implica, per esempio, anche l’assegnazione di responsabilità su fronti non strettamente IT, come il ruolo di Chief Operating Officer o VP of Strategy, o ancora di incarichi strategici ma provvisori come l’Head of M&A integration

A Carlo Bozzoli e agli altri finalisti sono dunque state riconosciute tutte queste qualità. Ma non solo: il rappresentante italiano è infatti anche membro degli advisory board di diversi vendor internazionali e lavora inoltre all’interno di associazioni europee di CIO, oltre che per la Management Academy for ICT Executives della School of Management del Politecnico di Milano. In Enel, prima di ricoprire il ruolo di Head of Global Information and Communications Technology, Bozzoli è stato Head of Network Commercial Services for the Infrastructure & Networks Division per il mercato tricolore, occupandosi di metering e grid, gestione del credito e delle attività di fatturazione, controllo qualità e customer care. «La digitalizzazione non è un’ambizione, è una necessità», ha commentato Bozzoli. «E siamo profondamente convinti che non sia solo una questione di tecnologia, ma che serva la diffusione della cultura digitale a tutti i livelli dell’organizzazione».

Carlo Bozzoli di Enel finalista al MIT Sloan CIO Leadership Award

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Google+

    Link

    Articolo 1 di 4