Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Case history

Campari rinnova le applicazioni della forza vendita. E punta sulla BI

Con una serie di rilasci graduali e focalizzandosi sulla user experience, il colosso del beverage ha integrato le piattaforme analitiche nelle divisioni Sales di Italia, UK e BeNeLux con soluzioni SAP. Il prossimo passo? L’adozione negli altri mercati e lo sfruttamento dei dati per offrire nuovi servizi a partner, clienti e consumatori. «KPI e reporting da condividere con i venditori, ma anche con la direzione Sales e con il top management»

16 Nov 2016

Domenico Aliperto

© Alessia Pierdomenico / Shutterstock.comSemplificare le attività della forza vendita e al tempo stesso attivare funzioni di Business Intelligence, in modo da ricavare Insight per orientare le decisioni strategiche del top management. Attraverso due implementazioni, quelle di SAP Hybris Cloud for Customer e SAP Fiori (operate in collaborazione con KPMG), il gruppo Campari sta rivoluzionando la gestione della divisione Sales in Italia, UK e BeNeLux, con l’obiettivo di estendere la piattaforma a tutti i mercati entro il 2018. L’ha spiegato Christopher Woods, Head of IT di Campari, in occasione del SAP Forum 2016, che si è tenuto in ottobre a Milano.

«La trasformazione è stata possibile grazie a una forte sponsorship del board, che ci ha permesso di avere affianco il business nei momenti e nelle fasi chiave del progetto. In altre parole, sempre, visto che ha coinvolto una divisione strategica come quella delle vendite», ha detto Woods. Il manager ha ha poi aggiunto che oltre all’integrazione con un programma di change management è servita una certa gradualità nel rilascio delle soluzioni. «Abbiamo detto no a un approccio Big bang, identificando priorità che non imponessero da subito linee guida troppo rigide e che favorissero invece la flessibilità, alla ricerca di un compromesso anche per la scelta dei device mobili da affidare agli agenti, che devono trovare il giusto equilibrio tra portabilità e usabilità».

Usability è stata solo una delle parole d’ordine che hanno ispirato il progetto: le altre sono ERP Integration, Mobility, Industry, Collaboration e Speed. «L’adozione del sistema da parte dei collaboratori passa dalla semplicità di utilizzo», ha aggiunto Woods, «e SAP Fiori ci è stata indicata come punto di riferimento per tutte le applicazioni in termini di user experience». La piattaforma ha già recepito oltre duemila ordini nel canale Off-trade, dimostrandosi, stando alla testimonianza di Woods, stabile e affidabile. «Abbiamo ricevuto anche feedback positivi rispetto a efficienza e semplicità d’uso da parte del personale coinvolto», ha precisato il manager.

Il futuro? Imperniato sul tema degli analytics. «Il business produce informazioni che ci permettono di avere KPI e reporting da condividere con i venditori, ma anche con la direzione Sales e con il top management. Il prossimo passo prevede l’integrazione in SAP di dati esterni e interni per offrire nuovi servizi a partner, clienti e consumatori».

Articolo 1 di 5